Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Stadio della Roma, Valeriani (ass. regionale): “Rigenerazione e parcheggi, ora deciderà il Campidoglio”

Le parole dell’Assessore sul progetto di Pietralata

Massimiliano Valeriani, assessore regionale all’Ambiente e alle Politiche abitative, ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera. Queste le sue parole:

Assessore Valeriani, quali vantaggi porterà il provvedimento, in termini di efficienza e snellimento delle procedure, all’amministrazione capitolina?

Tutte le varianti al Piano regolatore saranno di competenza del Comune e non sarà più necessario il pronunciamento della Regione. Il Campidoglio, con il voto favorevole dell’aula Giulio Cesare, potrà agire in piena autonomia anche per quanto riguarda gli strumenti di attuazione.

Cosa cambierà in concreto?

A legislazione invariata, i tempi che intercorrono tra la pianificazione e l’attuazione degli interventi urbanistici verranno dimezzati. È una novità attesa da decenni non soltanto dal Comune, ma anche dalle forze economiche e produttive.

In quali ambiti di applicazione saranno tangibili gli effetti della “rivoluzione copernicana”?

Dalla rigenerazione urbana al Piano parcheggi non servirà più il doppio passaggio, per certi versi simile al bicameralismo parlamentare, ma con questo provvedimento diamo a Roma l’esclusività di decidere: tutte le grandi operazioni saranno appannaggio del Campidoglio.

Tra le opere che potrebbero essere realizzate a Roma nei prossimi anni lo stadio della società giallorossa a Pietralata: la scorsa settimana i vertici del club hanno presentato al sindaco lo studio di fattibilità, in che modo la devoluzione dei poteri potrebbe accelerare l’iter?

Nel vecchio progetto (a Tor di Valle, ndr) serviva la variante, se dovesse rendersi necessaria anche a Pietralata il Comune avrà piena facoltà di procedere senza dover aspettare i tempi delle valutazioni incrociate con la Regione.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa