Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mexes: “Ho ottimi ricordi di Spalletti. La mia Roma aveva solo due fuoriclasse ma teneva testa all’Inter”

Philippe Mexes ha ricordato i tempi della sua permanenza alla Roma: le sue parole

Philippe Mexes ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso di un’intervista ai microfoni della Gazzetta dello Sport. Ecco le sue parole su Luciano Spalletti nella settimana di Roma-Napoli.

Mexes, che ricordi le sono rimasti di Luciano Spalletti?

Bellissimi, come del resto per tutti i sette anni del periodo romano. Spalletti mi ha dato tanto, mi ha fatto crescere, penso che senza di lui non avrei mai fatto la carriera che poi sono riuscito a fare, non sarei mai riuscito a fare un certo tipo di percorso come poi invece ho fatto. Lui mi ha fatto migliorare come calciatore, sotto ogni punto di vista.

Sul campo è così bravo come dicono un po’ tutti?

È uno degli allenatori più forti che ho avuto in carriera, se non il migliore in assoluto. Ma vado oltre, secondo me è anche tra i più bravi che ci sono in giro. Ha una cura maniacale di tutto, gestisce ogni minimo dettaglio. Sul campo è preparatissimo, ti spiega qualsiasi cosa di cui abbia bisogno un calciatore. E ovviamente, oltre a spiegartela, te la insegna anche.

In che cosa il tecnico del Napoli riesce a fare la differenza all’interno di una squadra?

È bravo tatticamente e questo penso si veda abbastanza. Ma non è solo questo. Luciano riesce anche a infonderti grinta, ti tira fuori la personalità, è uno che ha carattere. E ai giocatori riesce a far dare sempre il meglio di se stessi.

E in effetti quella Roma andò anche oltre le sue aspettative. Giusto?

Direi proprio di sì. Con una squadra piccola, per così dire, Spalletti è riuscito a mettere paura alle grandi d’Europa. In quella squadra di campioni veri c’erano solo Totti e De Rossi, poi tanti giocatori buoni o medi come me ad esempio, ma nessun’altra stella di livello. Loro erano i nostri fuoriclasse e intorno Luciano ci costruì il gruppo. Perrotta correva ovunque, gli altri sono migliorati e hanno reso tanto. Mi viene in mente Pizarro, altro buonissimo calciatore. Ma in campo ci sapevamo stare, giocavamo bene. E in questo modo siamo riusciti a sopperire alle differenze di qualità con le altre squadre: l’Inter – ad esempio – rispetto a noi aveva due squadre. E le altre big europee anche, basta andare a vedere le rose di quegli anni.

E oggi il Napoli rispecchia lo spirito del suo allenatore, in campo e fuori?

Vedo che la squadra sta andando bene, è in vetta alla classifica e questo vuol dire qualcosa. Ma sono sincero, quest’anno ancora non l’ho visto giocare.

Ma c’è Spalletti, che per il bel gioco è una garanzia…

Questo sicuro, con Luciano ci si diverte. E arrivano i risultati.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa