Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho, quando il silenzio diventa una strategia: “Io penso alla Coppa”

Lo Special One non risponde alle provocazioni di Sarri

Le parole tradiscono l’attesa. Perché sarà anche vero che “prima del derby c’è il Ludogorets“. Poi, però, tra una battuta su Volpato, la soddisfazione per la vittoria e il 4° posto, esce l’animo luciferino di Mourinho. Così, di sfuggita, in modo tale da disconoscere eventualmente qualsiasi riferimento diretto, ma regalando comunque l’impressione che il countdown alla stracittadina sia già iniziato. Appare difficile infatti pensare che l’altra sera José, rimarcando l’importanza del match di giovedì con i bulgari – “Quando un allenatore pensa non alla partita ma a quella successiva di solito finisce male. Quando fai l’errore è difficile conviverci, così come dire che la colpa è del tecnico. E quindi si inizia a sparare per sviare l’attenzione“– sia stato esclusivamente autobiografico.

La stoccata a Sarri (che contro la Salernitana ha tenuto inizialmente a riposo Milinkovic, diffidato, per poi perderlo dopo il giallo comminato da Manganiello) è aleggiata subito nell’aria, anche perché accompagnata da quella smorfia che è una via di mezzo tra un sorriso sornione ed un ghigno sdegnato. A fuoco lento, Mou ha cominciato il suo avvicinamento al derby. Come accaduto nella passata stagione, arriva alla (prima) sfida precedendo il rivale. Di certo non sarà deludente l’avvicinamento alla partita. Mou dà ogni giorno che passa l’idea di essere sempre più padrone della situazione. Dopo 12 giornate ha più punti della passata stagione (25 a 19), guadagnato due posizioni in classifica (4° rispetto al 6° di un anno fa), segnato meno gol (16 a 21) ma registrato la difesa che subisce meno (11 a 14). E questo nonostante la lunga serie d’infortuni che lo sta tormentando dall’inizio del campionato e che lo ha visto non avere mai a disposizione Wijnaldum e ora dover fare a meno di Dybala da 20 giorni. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa