Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Piccareta (ex allenatore U17 Roma): “Zalewski non esprime le sue potenzialità in quel ruolo”

Su Volpato: “Ha avuto l’impatto più forte, Mourinho ha stima di lui”

Fabrizio Piccareta, ex allenatore della Roma U17, è intervenuto a Playroma sulle frequenze di New Sound Level 90FM. Queste le sue parole sui vari giovani della Roma che stanno trovando sempre più spazio in prima squadra:

“Zalewski è talmente bravo che si è imposto in un ruolo non suo. Si esprime di più in termini di assist, gol e giocate importanti. Volpato ha avuto l’impatto più forte, tra i ragazzi entrati ieri sera, ha dato una scossa alla squadra con la sua voglia di fare giocate. Mourinho ha stima di questo ragazzo. Anche a Verona, entrare e fare gol, ha spinto Mourinho a rimetterlo in una situazione difficile. Deve ancora migliorare tanto e lavorare.

Bove ha meno possibilità perché ha giocato meno minuti, ma dà sempre un gran contributo. Mi piace pensare che in un settore giovanile il prodotto finale è il frutto del lavoro di tante persone. Poi chi ha talento naturale se lo porta dall’inizio e l’allenatore deve farlo emergere e non soffocare.

Campionato di primavera limitante? Mourinho ha ragione perché a fronte di un numero di ragazzi che fanno debutto in prima squadra ci sono tanti altri giocatori che avrebbero le potenzialità ma che essendo limitati al campionato di primavera sono sfavoriti. Quelli della Juventus, giocando un campionato di serie C, hanno maggiori possibilità. Se la Roma avesse una squadra B favorirebbe la crescita dei suoi giovani. Un plauso anche a Fonseca per aver fatto esordire Bove, Milanese, Tripi. Scommetterei su Faticanti e Missori che hanno fatto l’esordio. Anche Cassano si sta mettendo in evidenza adesso”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News