Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il derby degli assenti: Dybala resta out ma è ottimista per il Mondiale

Sarà il derby degli esclusi: niente sfida tra Paulo e Ciro

Paulo Dybala sarebbe stato certamente l’uomo copertina del derby. Anche solo per la sfida a distanza con Ciro Immobile. Ma se questo verrà ricordato come il derby degli assenti, sarà anche quello dei gol mancanti. Perché se da un lato non ci sarà l’uomo da 188 gol in Serie A, la Roma perde il suo capocannoniere e trascinatore nella prima parte di stagione. In attesa di scoprire l’esito degli ultimi esami, che necessitano ulteriori approfondimenti nei prossimi giorni, l’argentino continua il suo percorso di recupero dall’infortunio alla coscia e i miglioramenti sono costanti.

Notizie che fanno felice la Roma, ma soprattutto Dybala, sempre più attivo sui social nel certificare romanismo e fisioterapia. I giallorossi sanno che lo rivedranno il prossimo anno, ma è chiaro come la Joya in questo momento abbia un obiettivo ben chiaro in mente: la convocazione al Mondiale. E per conquistarla servono conferme. A lui come al CT Scaloni. Ormai da settimane l’argentino sta lavorando duramente per strappare una convocazione nell’ultima gara dell’anno contro il Torino.

Da un lato la Roma frena, giustamente preoccupata di un eventuale recupero affrettato, dall’altro è consapevole di quanto sia importante per il morale di Dybala – e per un suo 2023 sereno in giallorosso – volare in Qatar con la maglia dell’Argentina. Un appuntamento con il nuovo anno che si è dato anche Wijnaldum, l’altro uomo copertina di una rivista che non uscirà mai. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa