Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

L’ex Pedro brucia il povero Ibanez e il match finisce lì

La follia di Ibanez regala il derby alla Lazio

I fantasmi del passato che tornano a bussare, un’attitudine all’errore che sembrava svanita e invece torna nella notte più sbagliata, con l’avversario meno indicato a cui fare regali. Roger Ibanez e la sua tormentata storia con i derby romani, un nuovo capitolo che viene scritto all’Olimpico, la pagina di un libro che per il momento non conosce lieto fine. “La Spazza Ibanez” era stato il tormentone dei tifosi biancocelesti nel derby perso il 16 gennaio 2021, quando un suo errore in marcatura su Lazzari spalancò un corridoio per il gol a Immobile. Il copione si ripete, cambiando di poco, solo curva, la Sud, e gli interpreti.

Un giro palla innocuo, un possesso da gestire senza alcuna pressione. Poi Pedro avanza e il brasiliano crede di avere margine per tentare la giocata, per superare l’ex giallorosso e far ripartire l’azione. Il dribbling invece che ne esce fuori è goffo, lento e prevedibile, Pedro lo intuisce e dallo scontro tra i due il pallone rotola in direzione di Felipe Anderson, che controlla e batte Rui Patricio. Esplode la Curva Nord, il brasiliano affonda nel gelido abbraccio della rete che si gonfia. Prima Mancini, poi capitan Pellegrini provano a scuoterlo, ma il suo derby, mentalmente, finisce lì.

Un corto circuito che ha fornito una delle poche occasioni da gol create dai biancocelesti, un errore che costa una partita che i tifosi sentivano tantissimo. Sorprendente visto il momento che il brasiliano stava attraversando, uno dei più positivi in questo avvio di stagione e con la seria possibilità di avere una chance per andare ai Mondiali in Qatar. Recentemente all’Olimpico i vice del ct Tite, Matheus Bachi e Fabio Mahseredijian, erano venuti a visionare proprio il difensore giallorosso per valutare da vicino la crescita del calciatore. Non sarà l’errore dell’Olimpico, di certo, a far cambiare idea al Brasile, ma senza dubbio macchia una stagione che lo aveva visto tra le certezze della Roma di Mourinho e decide il derby. Fa festa la Lazio sotto i suoi tifosi, per Roger Ibanez è notte fonda. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa