Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Emergenza Roma: Zaniolo per forza. Salterà ancora la Nazionale, ma stringe i denti

Nicolò si sacrifica per la Roma

Nicolò Zaniolo è sempre nell’occhio del ciclone. Dopo aver portato la Roma agli spareggi di Europa League non è riuscito ad essere decisivo nel derby e contro il Sassuolo e adesso c’è una nuova puntata del suo difficile rapporto con la Nazionale. Non va in azzurro per le due amichevoli contro Albania e Austria, il suo nome non figurerà tra i convocati che saranno comunicati oggi. Nicolò contro il Sassuolo ha faticato anche in una collocazione tattica che non predilige, ma negli ultimi tempi ha avuto problemi muscolari, a causa di un grosso ematoma alla coscia.  Ha spesso dato la sua disponibilità non essendo al cento per cento.

In questi giorni c’è stato uno scambio di informazioni tra lo staff medico della Roma e quello della Nazionale, nel quale sono state rappresentate le condizioni del giocatore. Zaniolo deve convivere con questo problema, stringerà i denti anche per domenica, ultima partita prima della sosta, durante la quale avrà tutto il tempo per recuperare. C’è sempre stato dialogo tra il club e la Federazione, con costanti scambi di informazioni. In sostanza i medici della Roma hanno lasciato la decisione a quelli della Nazionale, facendo presente che c’è un problema che si trascina. Infatti Zaniolo sarà disponibile per la partita contro il Torino, pur non essendo al cento per cento. La strada azzurra resta in salita. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa