Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Nella testa di Mourinho

La confusione di Mou

Un anno fa erano gli epurati di Bodø. Mercoledì è toccato a Karsdorp. Cambiano gli interpreti non l’insoddisfazione di Mourinho. La Roma è settima in classifica e a forza di sventolare l’alibi delle assenze (come se Pogba, Di Maria e Chiesa, Lukaku e Brozovic, Immobile oppure Zapata e Muriel pesassero meno nell’economia di Juve, Inter, Lazio e Atalanta rispetto a Dybala e Wijnaldum nella Roma) c’è il forte rischio di perdere di vista quanto sta accadendo nella silente Trigoria.Villar, Borja Mayoral e Diawara erano un falso problema ieri come lo è oggi Karsdorp. La grana è un’altra, non di facile soluzione perché va a mettere in contrapposizione l’ego, la grandezza e l’ambizione di Mourinho con l’operatività di un club – impegnato già in un risanamento dei debiti pregressi senza precedenti – fortemente condizionato dai nuovi paletti imposti dal fair play finanziario

Il problema non è tanto spiegarlo ma farlo accettare a José che, pur di non privarsi dei pochi calciatori di qualità che avrebbero mercato per poi reinvestire i soldi, facendo leva sulle capacità di scouting del club, è riuscito a stravolgere l’operatività di Pinto. Fino ad un anno e mezzo fa, il gm non contemplava la possibilità di attingere al mercato degli svincolati, lontani com’erano dal suo modus operandi Tra l’estate appena conclusa e gennaio, la Roma ha fatto invece incetta quasi esclusivamente di parametri zero (Dybala, Belotti, Matic e a breve Solbakken) o prestiti senza esborso (Wijnaldum e Camara), spendendo appena 7 milioni che sono valsi l’appellativo di ‘mercatino’. Sette come la posizione che la Roma occupa in classifica o come i gol segnati nelle ultime 6 gare di campionato (l’Inter ne ha fatti 17, il Napoli 16, la Lazio 13, il Milan 11, la Juve 9) che inevitabilmente chiamano in causa l’operato del portoghese. Perché mancherà “la ‘Luce’ di Dybala e Pellegrini” ma anche così la Roma può/deve giocare meglio. Non è una questione di estetica perché sarebbe come disquisire del sesso degli angeli. È tuttavia difficile obiettare come la squadra stia facendo maledettamente fatica a produrre gioco. Lo scrive “Il Messaggero”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa