Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La strigliata di Dybala: “La Roma ha paura. Serve più personalità”

Dybala striglia la Roma per la mancata personalità

La magia sa essere travolgente ma ha un limite. È sempre, inevitabilmente e inderogabilmente, associata all’individuo che la propone. E così la Roma si è aggrappata al suo mago nel momento peggiore del suo campionato, uscendo almeno in parte dal disagio tecnico, ma deve interrogarsi sul futuro. Dove può arrivare una squadra di calcio che si affida al genio di un singolo giocatore? Paulo Dybala ha la capacità innata di scuotere uno stadio, non solo una squadra di calcio, però al tempo stesso non può mascherare i problemi dei compagni quando per motivi di forza maggiore non può erogare i suoi magnifici servigi.

Mourinho ha parlato di venti minuti di speranza, generati dall’ingresso di Paolino e del bimbo Tahirovic. In effetti Dybala ha creato i presupposti del pareggio. Il rigore procurato, che poi non ha calciato, è stato l’evento più banale. La parabola che ha centrato la traversa, diventata assist per Matic, è invece una delizia delle sue.

Dybala è mancato tanto alla Roma, stavolta almeno in parte ha dato un contributo. “Ci tenevo ad aiutare la squadra – ha raccontato – avrei anzi voluto farlo prima ma non è stato possibile. Anche se andrò in Qatar con l’Argentina, volevo offrire un supporto ai miei compagni prima di partire. Sono contento di essersi riuscito”.

Perché non ha tirato il rigore? Lui minimizza: “Non c’era scritto da nessuna parte chi dovesse calciarlo (Mourinho ha detto il contrario senza specificare chi fosse lo specialista designato, ndr). A volte la decisione è una questione di secondi. Belotti ha preso il pallone e io ho preferito lasciare che tirasse. L’errore può capitare a chiunque, Andrea è un attaccante che ha segnato tantissimi gol. Non c’è problema”. Come per Abraham: “La vita dei centravanti è così. Quando non segnano vengono criticati. Ma lo aiuteremo a fare tanti gol“. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa