Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Colpire Karsdorp per rinsaldare l’intero gruppo

Karsdorp sacrificato per scuotere il gruppo

Già, Karsdorp, il terzino messo alla gogna. Mou a Reggio Emilia ha colpito lui per due motivi: il primo per dare un segnare forte a tutto il gruppo, il secondo perché evidentemente è consapevole del fatto che alcuni comportamenti dell’olandese siano mal digeriti dal gruppo.

Insomma, si è potuto permettere quella “mano forte” che probabilmente con gente come Dybala, Pellegrini o Smalling non avrebbe mai utilizzato. L’obiettivo è compattare il gruppo intorno alla sua persona. Il comandante è ancora e sempre Mourinho. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa