Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Cristante, operazione e rinnovo

Rinnovo imminente per Cristante

Sperava di chiudere il 2022 con una partita decisamente diversa, invece è terminata con i fischi dell’Olimpico e un pareggio contro il Torino aciuffato allo scadere. La frustrazione per il risultato e la delusione dell’Olimpico hanno mandato fuori giri anche Bryan Cristante che al 61’ del match di domenica scorsa dopo essere stato sostituito si è lasciato andare in un gesto di stizza che ha alimentato ulteriormente il malumore di chi era sugli spalti: un cinque dato a un membro dello staff , poi una bottiglietta d’acqua gettata a terra con forza, uno scatto normale per un giocatore che ha provato in tutti i modi a fare del suo meglio in campo ma che alla fine è uscito dal campo con l’inevitabile delusione non solo per il risultato ma anche per una prestazione di squadra che ancora una volta non ha dato i risultati sperati.

Ieri il centrocampista ha lasciato il ritiro degli azzurri per un problema alla mano sinistra, un infortunio accusato nei minuti finali della partita contro il Napoli dello scorso 23 ottobre. Quasi un mese dopo il dolore non è scomparso, la contusione ossea allo scafoide non gli ha dato tregua e adesso il giocatore sarà costretto a operarsi.

Durante la sosta cercherà di scuotere la squadra per cercare di uscire dalla crisi e poter cominciare il 2023 nel migliore dei modi. Sempre durante la sosta arriverà anche l’annuncio del suo rinnovo di contratto. È già pronto da tempo ma la linea dei Friedkin è di annunciare prolungamenti soltanto durante le pause dal calcio giocato. Cristante ha firmato il nuovo contratto fino al 2027 e guadagnerà circa tre milioni di euro netti a stagione. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa