Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Referto pesante: squalificato Mourinho

Mourinho squalificato per due giornate a seguito dell’espulsione con il Torino

Il Giudice Sportivo ha squalificato per due giornate José Mourinho dopo l’espulsione ricevuta in Roma-Torino di domenica scorsa. Una punizione severa giustificata dal referto arbitrale molto chiaro, “per aver contestato una decisione arbitrale assumendo un atteggiamento minaccioso nei confronti dell’arbitro e rivolgendo ripetutamente allo stesso un epiteto gravemente offensivo“.

Troppo grave il termine “pagliaccio”, urlato più volte in faccia a Rapuano, per soprassedere. Nonostante le scuse fatte di persona nello spogliatoio alla presenza della Procura e degli osservatori arbitrali e quelle pubbliche davanti ai microfoni. L’allenatore mancherà sia il 4 gennaio alla ripresa contro il Bologna che l’8 contro il Milan, saltando ancora una volta l’appuntamento con San Siro. La Roma intanto pensa al ricorso per uno sconto e riavere il portoghese in panchina a Milano.

Dopo un anno e mezzo però il saldo disciplinare di Mourinho non è dei migliori: quattro espulsioni e sei giornate di squalifica. Tre in più di tutta la rosa della Roma messa insieme. Forse troppe per chi dovrebbe gestire e tenere sotto controllo umori e nervosismi della squadra. Soprattutto alla luce del cambio di atteggiamento nei confronti degli arbitri, voluto e studiato, in questa stagione. Lo scrive “Il Tempo”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa