Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Solbakken: “Ciao Bodo, ora vado in un top club”

Solbakken saluta il Bodo, pronto per una nuova avventura

“Ciao Bodo, adesso vado in un top club“. Ola Solbakken ha ufficializzato il suo addio al club norvegese dopo la sua ultima partita giocata in campionato. La scorsa domenica l’esterno di ventiquattro anni è sceso in campo nella vittoria della sua squadra in trasferta contro lo Stromsgodset, chiudendo il campionato norvegese al secondo posto.

A fine partita, i saluti ufficiali al Bodo, al tecnico Knutsen e ai compagni di squadra. Dopo i ringraziamenti anche la conferma del trasferimento alla Roma, seppur indirettamente e senza menzionare mai il club giallorosso nonostante la domanda dei giornalisti locali fosse incentrata proprio sulla squadra di Mourinho: “Sarò eternamente grato al Bodo per questi anni insieme, siamo diventati una piccola famiglia e abbiamo raggiunto grandi obiettivi. Sono convinto che questi ragazzi cresceranno ancor di più nelle prossime stagioni. Adesso per me si apre un nuovo capitolo, una nuova avventura. Andrò a giocare in un grande campionato, con un top club. Sarà divertente cominciare un nuovo percorso in un campionato estero, magari un giorno incontrerò nuovamente il Bodo ma da avversario“.

Solbakken si trasferirà da svincolato alla Roma: l’accordo è stato raggiunto nei mesi scorsi e prevede un milione netto a stagione più bonus fino al 2027. Sarà il primo (o l’unico) innesto della Roma di José Mourinho nel 2023, un elemento in più in attacco per cercare più dinamismo e naturalmente quei gol che fin qui Abraham, Belotti, Zaniolo, El Shaarawy e Shomurodov non hanno ancora garantito a sufficienza. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

81 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

81 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa