Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Wijnaldum accelera: “Sto tornando”

Wijnaldum e il recupero dell’olandese

Prima i sorrisi, tornati ad essere quotidiani, tra social network e comparsate all’Olimpico. Ieri le parole di speranza: “La riabilitazione sta andando davvero nella giusta direzione“. Wijnaldum sta lentamente uscendo fuori da quel guscio di lacrime e silenzio in cui era piombato lo scorso 21 agosto, giorno dell’infortunio alla tibia destra. E lo ha fatto ai microfoni di ESPN, raccontando il lungo percorso riabilitativo: “Quando mi sono infortunato ho pianto per diversi giorni. La cosa più difficile è stata accettare che fossi infortunato. Non potevo camminare, ogni cosa che facevo richiedeva molto tempo e all’inizio i progressi erano minimi“.

L’olandese è nel momento di mezzo. Guarda indietro senza più paura, vive l’oggi ma si proietta con ottimismo al futuro: “Vivo come un monaco, ma mi sento molto bene. Ci sono molti progressi, anche se vivo lontano dalla mia famiglia. Torno nei fine settimana, è un sacrificio che devo fare. In questo momento vedo due posti: il mio appartamento e il campo di allenamento. Devo superare questo momento e non voglio avere distrazioni”. L’obiettivo è tornare ad allenarsi parzialmente in gruppo al ritorno dal ritiro in Algarve (dal 15 al 23 dicembre), dopo le vacanze di Natale, per strappare una convocazione attorno a metà gennaio. Lo scrive ‘Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa