Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Lucho il duro e puro: dalle tragedie ai trionfi senza mezze misure

Aveva detto da allenatore giallorosso: «Sto male, ma voglio dare il gioco alla Roma e la gioia ai suoi tifosi». Non ci riuscì. Se n’è andato per consunzione

No esta loco, es un genio, titolava ieri il Marca a tutta pagina. E se fosse entrambe le cose, pazzo e genio? Non sarebbe il primo della storia del calcio. Si fa largo il sospetto, anche presso i diffidenti cronici del mondo madridista, che nella testa dell’asturiano alberghino lanterne magiche oltre che evidenti paranoie. La sua Spagna ha dato spettacolo al debutto. Furiosa sì, ma anche leggiadra. Lucho e la sua banda di marmocchi, tenuti insieme dalle vecchie pellacce che sappiamo, il compasso di Sergio Busquets, la personalità canaglia di Jordi Alba e di Azpilicueta, hanno stappato lo spumante.

Che gli spacchino da calciatore la faccia con una gomitata, che lo caccino da allenatore tra insulti e pernacchie o perda un Europeo ai rigori dopo aver dominato in lungo e in largo. Che gli muoia una figlia di 9 anni, Xana, per un cancro alle ossa. Lui cade, stramazza, ma si rialza sempre e parte per il deserto a pedalare tra le dune e gli scorpioni. Non serba rancori, è amico di Tassotti che gli ha spaccato la faccia, vuole bene alla Roma che lo ha prostrato e ha tifato Italia che lo ha eliminato.

Luis Enrique non ha il carisma autoritario di un José Mourinho, quello maliardo di un Pep Guardiola né quello visceralmente empatico di un Jurgen Klopp, piuttosto quello contagioso di un Francesco d’Assisi, quello che arriva (e predica) dall’incorruttibile innocenza del cuore.

Un calvario il passaggio a Roma. Che nel tempo Lucho ha imparato ad amare, come tutte le cose che lo hanno aiutato a crescere. Un (fragile) marziano a Roma. Ridotto a una larva dal massacro di una piazza che sa essere feroce come poche. «Sto male», disse una volta pubblicamente e si capì che stava male veramente. Aveva detto: «Voglio dare il gioco alla Roma e la gioia ai suoi tifosi». Non ci riuscì. Se n’è andato per consunzione. Invecchiato di dieci anni. E fu solo un anno, un anno di troppo. «Che cosa ho fatto di male per meritare tutta questa merda?» disse. Il più struggente, accorato grido di dolore mai udito prima nei postriboli del calcio.

Si legge su La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa