Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Roma e Nagoya annunciano una partnership strategica (COMUNICATO)

Nasce una sinergia tra i due club

L’AS Roma è lieta di annunciare di aver sottoscritto una partnership con il Nagoya Grampus, una delle realtà più prestigiose della J1 League giapponese.

La collaborazione strategica tra i due club, che oggi, venerdì 25 novembre, si affronteranno al Toyota Stadium nella seconda edizione della EUROJAPAN CUP, prevede che entrambi condividano le proprie esperienze nel mondo del calcio, della sostenibilità e del business. La partnership non riguarderà solo attività della Prima Squadra ma coinvolgerà anche lo sviluppo dei settori giovanili di AS Roma e Nagoya Grampus. Inoltre, le due società sosterranno reciprocamente le iniziative intraprese sul fronte del supporto alla propria comunità di riferimento, in particolare per promuovere l’inclusività nel mondo del calcio. Le due parti lavoreranno per allargare ulteriormente l’espansione dei rispettivi brand in Giappone e in Italia, oltre che in altri mercati strategici.

“Siamo orgogliosi di avviare questa collaborazione innovativa che, secondo i nostri piani, apporterà grandi benefici a entrambi i club, dentro e fuori dal campo”, ha dichiarato Dan Friedkin, presidente dell’AS Roma.

“I valori e le priorità condivisi da AS Roma e Nagoya Grampus sono fondamentali per una partnership che senza dubbio offrirà significativi vantaggi a lungo termine in tutti gli aspetti delle nostre rispettive organizzazioni.

“Oltre alle entusiasmanti opportunità che prevediamo nel supportarci reciprocamente sui temi calcistici, non vediamo l’ora di sostenerci a vicenda su argomenti che entrambi consideriamo prioritari, tra i quali spiccano la sostenibilità e il supporto alle nostre comunità. Questo annuncio è il primo passo nella costruzione di relazioni che siamo certi costituiranno le basi per un legame duraturo e inestimabile”.

AS Roma e Nagoya Grampus, due realtà fortemente impegnate sul territorio in attività concrete per garantire il benessere fisico e psicosociale dei bambini affetti da disabilità psicomotorie di vario livello, sfrutteranno il potere inclusivo del calcio e la gioia di praticarlo insieme senza barriere per promuovere nuove iniziative congiunte rivolte ai giovani con diverse forme di disabilità.

“Siamo molto lieti e onorati di stringere una partnership strategica con l’AS Roma, uno dei club più prestigiosi e storici d’Italia”, ha dichiarato Koki Konishi, Presidente del Nagoya Grampus.

“I due club sfrutteranno al massimo le reciproche conoscenze ed esperienze non solo cooperando sul campo di calcio per diventare squadre più forti e attrattive, ma per implementare una serie di iniziative volte alla crescita di entrambe le attività con una prospettiva a lungo termine. Riteniamo che le società di calcio abbiano un’ampia gamma di ruoli da svolgere per costruire una società sostenibile. Siamo fiduciosi che questa partnership farà un uso efficace di tutte le risorse di entrambi i club e che il futuro sarà luminoso sia per noi, sia per tutti i soggetti coinvolti nel nostro percorso”.

La partnership offrirà ai due club l’opportunità di condividere conoscenze e pratiche relative alla gestione dell’area sportiva, con particolare attenzione alle sfere dello scouting, della metodologia, della sport science e degli analytics.

Ma la collaborazione non si fermerà ad alcuni degli aspetti strategici legati alla Prima Squadra: uno dei benefici del lavoro congiunto sarà rappresentato dalle opportunità di crescita garantite ai talenti di entrambi i club, attraverso una serie di attività che miglioreranno ulteriormente la capacità, consolidata da anni, di accompagnare il percorso di crescita e valorizzazione dei giovani calciatori.

In questo caso, oltre al confronto costante sulle metodologie di lavoro adottate nel percorso di formazione dei ragazzi, sono previsti frequenti stage di allenatori e giocatori dei due settori giovanili nei centri sportivi delle due società e l’organizzazione di tornei e tournée amichevoli. La partecipazione della AS Roma alla seconda edizione della EUROJAPAN CUP consentirà di organizzare già nei prossimi giorni i primi incontri in presenza tra le aree sportive dei due club.

“A livello calcistico questa collaborazione costituisce una grande opportunità, perché ci permetterà di rendere sistematico uno scambio di know how che riteniamo molto utile per entrambi i club: siamo onorati della possibilità di trasferire la nostra esperienza su diverse sfere strategiche della Prima Squadra e del settore giovanile e, allo stesso tempo, siamo entusiasti di poter conoscere da vicino un mercato emergente grazie al prezioso supporto della direzione sportiva del Nagoya Grampus, uno dei club leader del movimento calcistico giapponese”, ha dichiarato Tiago Pinto, General Manager dell’Area Sportiva del Club.

Motohiro Yamaguchi, Direttore Generale del Nagoya Grampus, ha dichiarato: “Siamo molto lieti di annunciare questa partnership con l’AS Roma, un club con una lunga e illustre esperienza.

“Partendo dalla prima squadra e arrivando ai settori giovanili che guideranno la prossima generazione di calciatori, consideriamo questa collaborazione una grande opportunità per noi per lavorare su molti temi e per imparare da un’ampia gamma di prospettive grazie a scambi di idee tra giocatori e staff e di soluzioni da condividere”.

“Mentre impareremo dagli standard che sono alla base di una squadra europea, vorremmo incorporare certi dettami nei nostri metodi di lavoro e creare una squadra in grado di competere in Asia e nel mondo”.

AS Roma e Nagoya Grampus daranno vita, inoltre, ad Academies gestite da entrambi i club in Giappone e in altri mercati internazionali in espansione, a partire dagli Stati Uniti.

(asroma.com)

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News