Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini dove sei? La Roma cerca il capitano: servono gol e più feeling con Dybala

La Roma alla ricerca del miglior Pellegrini

Chissà se Carl Brave, il rapper romano che ieri a Tokyo lo ha sorpreso a bordo campo come un qualsiasi tifoso della Roma, può averlo consolato un po’. Nella discografia del cantante  c’è anche un pezzo che si intitola “Makumba”, inciso insieme a Noemi.

Ma ci sarà davvero una macumba ad aver frenato l’inizio di stagione Lorenzo Pellegrini, affettuoso nel relazionarsi col suo fan, che lo ha invitato al suo prossimo concerto. Di sicuro, il capitano giallorosso si aspettava di più da se stesso e da tutta la squadra dopo la straordinaria scorsa stagione.

Se il vento sia cambiato, forse, lo vedremo anche dalla amichevole in programma oggi contro i campioni del Giappone dello Yokohama Marinos (ore 11.30 italiane, diretta su Dazn). Dopo l’infortunio che gli ha fatto saltare le ultime due partite prima della sosta per il Mondiale, Pellegrini potrebbe tornare in campo per dare più qualità alla manovra della squadra dal punto di vista offensivo.

Nelle poche volte in cui Pellegrini e Dybala hanno potuto giocare insieme, al di là del risultato finale, è parso che i due siano stati alla ricerca del feeling giusto. Certo, col fatto che la Joya abbia già messo in mostra la sua vocazione offensiva più spiccata, è logico che abbia preso la vetrina con più facilità, ma il discorso va fatto in modo complessivo.

Ciò che serve è quella perfetta sincronia che porta a turno uno dei due ad abbassarsi (oppure ad alzarsi) a seconda delle esigenze della squadra. Tutto questo sperando che un giorno il cosidetto “quadrato magico” (Pellegrini, Dybala, Zaniolo e Abraham) possa presto essere rafforzato dall’ingresso in pianta stabile di Wijnaldum.
A quel punto, ovviamente, gli equilibri giusti dovranno essere ritrovati al più presto. Tutto questo anche nell’ambito di rotazioni che consentano ai giocatori più importanti – e quindi anche a Pellegrini – di essere gestiti. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa