Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zero gol e un assist per i cinque esterni: Mourinho chiede colpi

I giallorossi hanno bisogno di “bonus” dalle fasce

In strategie e tattiche che prevedono sempre di più gli aggiramenti sulle ali per allargare le difese e magari puntare al cross oppure, a maglia allargate, al filtrante decisivo, José Mourinho scopre di avere 5 esterni, fra destra e sinistra, che fino hanno prodotto in stagione, tutti insieme, la miseria di un assist e zero reti. Spinazzola non è ancora uscito fuori totalmente dal tunnel della rottura del tendine d’Achille. Gli “stop and go” lo hanno tormentato; adesso accusa anche qualche problema al momento di calciare.

Zalewski sembra essere un po’ in crisi di rigetto nell’assimilazione del suo nuovo ruolo di esterno. Non è un caso che al Mondiale, partito titolare, sia stato sostituito alla fine del primo match e non si sia più visto. Discorso diverso per Celik, che ha caratteristiche più difensive e che quindi si ritrova meno a suo agio in fase di spinta. Chi invece avrebbe le qualità per farlo in modo decoroso è Karsdorp, il caso delle ultime settimane. Resta fine Matias Vina. Nella Roma è stato di gran lunga il meno impiegato, tant’è vero che lo Special One lo ha riciclato come difensore centrale. La Roma è a caccia di sostituti. E se Bereszynski della Sampdoria è anche lui poco prolifico in attacco (4 gol e 21 assist in carriera), l’altro candidato, Odriozola, pur avendo quattro  anni di meno ha prodotto 9 reti e 27 assist. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa