Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Gelo Bodo: “Solbakken a fine anno”. Wijnaldum partirà per il ritiro portoghese

Solbakken

Prosegue il muro del Bodø

Da una parte un allarme sempre più forte, dall’altra una speranza crescente. Ma a leggerla con pieno ottimismo, in casa Roma professano cauta fiducia. Stiamo parlando delle situazioni che riguardano Solbakken e Wijnaldum, i due calciatori che, per motivi diversi, tengono occupati i pensieri di José Mourinho. A poco più di una settimana dalla partenza per il ritiro in Algarve l’allenatore portoghese ancora non sa se potrà contare sull’attaccante norvegese.

Allo stato attuale Solbakken non partirà con i nuovi compagni, poiché il Bodø ancora non ha dato il famoso nulla osta a farlo allenare con la Roma. E difficilmente lo farà nei prossimi giorni. L’ostruzione del club norvegese è totale. “Solbakken ha un contratto con il Bodø fino al 31 dicembre e sarà un nostro giocatore fino alla stessa data“, precisa il club norvegese contattato da Il Tempo. La firma a parametro zero non è andata giù e non sembra esserci margine per una deroga, nonostante il campionato sia fermo fino al prossimo aprile. Tiago Pinto intanto continua a tenere in piedi i “negoziati di pace” con la dirigenza norvegese con la speranza di strappare l’ok prima del 15 dicembre.

Le buone notizie invece arrivano direttamente da Dubai, dove prosegue il lavoro di recupero dall’infortunio di Wijnaldum. L’olandese ha postato sui propri profili social una serie di scatti che lo ritraggono sorridente in spiaggia. Ma quello che ha fatto tornare il sorriso ai tifosi della Roma è stato un video, ricondiviso anche dal club, in cui effettua alcuni scatti durante una seduta in palestra, a conferma dei netti miglioramenti post operazione. Il centrocampista tornerà a disposizione di José Mourinho già dal ritiro in Portogallo, con un lavoro personalizzato propedeutico ad un suo completo recupero programmato per la metà di gennaio. Lo scrive “Il Tempo”.

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa