Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Rebus Zaniolo: prove di rinnovo e destino incerto

Prima della partenza per il Portogallo ci sarà l’intro tra l’agente del ragazzo, Vigorelli, e Pinto. Posizioni ancora distanti

Qualcosa si muove. Dopo un silenzio di tre mesi sul fronte Nicolò Zaniolo, la Roma comincerà a lavorare sul rinnovo del contratto. Tiago Pinto ha avuto il via libera dai Friedkin a trattare il prolungamento con adeguamento e la prossima settimana incontrerà il procuratore di Nicolò Claudio Vigorelli.

Il meeting ci sarà prima della partenza per il Portogallo prevista per il 15 dicembre, o al massimo al ritorno dal ritiro. Comunque non oltre la fine dell’anno. Entro il termine di gennaio Zaniolo vuole capire se la Roma ha intenzione di puntare su di lui negli anni a venire, o se invece vorrà venderlo ricavando una preziosa plusvalenza.

Di certo non sarà una trattativa banale perché le parti sono su due posizioni distanti e nessuna vuole cedere: Nicolò chiede almeno 4 milioni più bonus, la Roma è ferma a 3,5 tutto compreso. Con queste basi si cercherà di trovare la quadra, anche perché è nell’interesse dei giallorossi chiudere i giochi il più velocemente più possibile.

Con l’avvicinarsi della scadenza contrattuale (giugno 2024), il calciatore avrà il coltello dalla parte del manico per trattare. Al momento la possibilità di perderlo a parametro zero non è contemplata, ma il rischio è che il negoziato possa andare per le lunghe come accaduto per Lorenzo Pellegrini.

Si legge su Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa