Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

E Mou resta in silenzio. Vuole che sia Pinto a spiegare cosa succede

Ancora una volta lo Special One decide alla vigilia di una partita di non parlare con i media

José Mourinho ha scelto il silenzio. Nel giorno in cui la Roma si ritrova quarta dopo la stangata rifilata alla Juventus dalla Corte federale d’Appello, il tecnico ha deciso di annullare la conferenza stampa odierna in vista dello Spezia. Lasciando – scrive Gianluca Lengua su ‘Il Messaggero’ – che sia Tiago Pinto a spiegare quello che sta accadendo con Nicolò. Un giocatore che lo Special One ha sempre difeso, anche nei momenti più delicati, sapendo che la società era pronta a cederlo anche a gennaio.

Una scelta legittima, ma dovuta principalmente a un momento di altissima tensione dovuto al doppio forfait di Zaniolo. Il primo con la Fiorentina per un’influenza intestinale con Pinto che ha subito lasciato intendere che qualcosa non tornava. Ieri il caso è definitivamente deflagrato e lo costringerà a prendere una posizione pubblica. Un ragazzo che José ha sempre protetto sin dal suo arrivo a Trigoria. Garantendo che sarebbe rimasto almeno fino alla fine del suo mandato. La sua garanzia è venuta meno il giorno in cui la Uefa ha comminato una multa di 35 milioni al club per il mancato rispetto del fair play finanziario.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa