Resta in contatto

Approfondimenti

Il 2018 della Roma: Il Mercato

Da Jonathan Silva a Zaniolo, tutti i colpi di Monchi nell’anno solare che si chiude. 

Il calciomercato della AS Roma nell’anno solare 2018 è stato piuttosto impegnativo se non rivoluzionario. Dopo una sessione di gennaio piuttosto serena, con l’arrivo in prestito del solo Jonathan Silva, e una semifinale storica di Champions League, si attendevano conferme e rinforzi importanti dal mercato, senza le solite cessioni di routine per il bilancio. Così non è stato.

In un colpo solo, la Roma si è privata di Alisson Becker (Liverpool), vero e proprio prodigio dell’annata 2017/2018, Radja Nainggolan (all’Inter), beniamino dei tifosi e Kevin Strootman (Marsiglia), quest’ultimo ceduto col mercato in entrata chiuso. Partenti anche Gonalons, SkorupskiTumminello, Defrel, Zukanovic, Iturbe, Machin, Bruno Peres, Capradossi, Verde e Gyomber.

Operazioni importanti e dispendiose anche in entrata. Nella cessione di Radja Nainggolan all’Inter sono entrati Nicolò Zaniolo e Davide Santon. Il primo una scommessa apparentemente vinta sin qui, tanto da Monchi quanto da Di Francesco, il secondo per la sua polivalenza nel giocare su entrambe le fasce.

Non solo Zaniolo, il centrocampo giallorosso “parla” italiano con il miglior centrocampista della scorsa stagione: direttamente da Bergamo, ecco arrivare a Trigoria Bryan Cristante.

Dal Paris SaintGermain arriva anche Javier Pastore, dopo 7 anni di distanza dalla sua ultima esperienza in Serie A; l’acquisto dell’argentino, pagato circa 25 milioni di Euro, resta ancora un scommessa per via degli infortuni che stanno falcidiando il giocatore.

Dall’Ajax arriva Justin Kluivert, gioiello cercato e voluto da decine di big europee. Un vero e proprio colpo di mercato, ma anche mediatico vista la rilevanza della trattativa.

Per sostituire Alisson arriva lo svedese Olsen, tra lo scetticismo iniziale sta lentamente iniziando a convincere tutti a suon di parate; tra i pali arriva anche Mirante a fare da secondo e Daniel Fuzato dal Palmeiras.

A centrocampo, una volta sfumato in maniera clamorosa Malcom, il ds spagnolo porta nella capitale Steven Nzonzi: il campione del mondo francese si prende la maglia numero 42.

Arrivano infine Ante Coric, giovane della Dinamo Zagabria in grado di entusiasmare gli animi in patria con la sua ottima visione di gioco e tecnica, William Bianda, difensore centrale francese dalla carriera ancora tutta da scrivere, e Ivan Marcano dal Porto, preso a parametro zero, difensore spagnolo esperto che però rischia di salutare i compagni dopo appena 6 mesi, infatti nel 2019 è prevista già una sua partenza nel mercato invernale.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti