Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Calciomercato

Mercato Roma, Barbosa (ds. Cruzeiro): “Ci sono club italiani su Brazao”

“Sono molte le società che si sono interessate”.

Il direttore sportivo del Cruzeiro, Marcone Barbosa, ha parlato del calciatore ai microfoni di TMW. Ecco le sue dichiarazioni:

Barbosa, iniziamo con le presentazioni: che tipo di portiere è Brazao?
“Brazao è un talento cresciuto nel settore giovanile del Cruzeiro, che ha scalato tutte le categoria della Seleção fino alla recente convocazione con la Nazionale maggiore per le amichevoli contro Inghilterra e Camerun dello scorso novembre. Ormai, d’altronde, fa parte in pianta stabile della nostra prima squadra”.

Si dice che per caratteristiche ricordi Julio Cesar, lei è d’accordo?
“Brazao ha il suo proprio stile. È un portiere che si sta ancora formando con ampissimi margini di crescita. Finora ha fatto davvero bene in tutte le categorie giovanili, dimostrandosi un estremo difensore di grande affidabilità e, soprattutto, un formidabile pararigori”.

Qualità che hanno attirato l’interesse dell’Inter e non solo.
“Preferisco non fare nomi precisi, ma posso confermarvi che su Brazao ci sono sia club italiani che spagnoli. Sono molte le società che ci hanno contattato per questa giovane promessa”.

Dove pensa che sarà il suo futuro?
“Ancora non possiamo sbilanciarci. Ripeto, in Italia e in Spagna lo stanno cercando con insistenza. Intanto, però, il presente di Brazao è al Cruzeiro e con la Nazionale brasiliana Under 20, con la quale fra pochi giorni disputerà il Sudamericano Under 20”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato