Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Messaggero, “La Roma finalmente fa la grande contro una piccola”

“31a formazione diversa in 31 partite”

La Roma fa finalmente la grande contro una piccola, ricordandosi di 13 punti buttati nel girone d’andata contro le squadre di bassa classifica. Battendo 3-0 il Chievo si piazza al 4° posto, in attesa di Milan-Cagliari. La prestazione del giallorossi al Bentegodi è di sostanza, anche guardando alla partita di martedì con il Porto: giocatori concentrati e disponibili. Ma ai tifosi della Roma il successo di Verona non basta: la macchia di Firenze non si cancella. La virata tattica di Di Francesco, con la conferma del 4-1-4-1/4-3-3 fa però bene per l’equilibrio di squadra. Come riporta Il Messaggero, ieri mancavano oltre allo squalificato Pellegrini anche gli indisponibili Olsen, Manolas, Perotti e Under: Di Francesco infatti è stato costretto a schierare la 31ª formazione diversa in 31 partite. Nzonzi fa bene il play a 360 gradi, Karsdorp e Kolarov attaccano costantemente sulle fasce e difendono bene. Schick è disponibile a destra ed El Shaarawy chirurgico a sinistra. La Roma, in 18 minuti, è già avanti di 2 reti con El Shaarawy e Dzeko. Monchi si gode il raccolto quanto Di Francesco in campo: 8 giocatori su 11 della formazione di partenza sono stati scelti dal ds. I giallorossi si rilassano un po’ troppo ed il Chievo prova ad approfittarne, ma nel secondo tempo ci pensa Kolarov a chiuderla con il 6° gol in campionato. I giallorossi così centrano il 6° risultato utile di fila, mai successo in questo torneo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa