Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Kolarov: “A Roma dopo una telefonata con Dzeko. Non sorrido mai, ma sono un ragazzo positivo” (VIDEO)

Le parole di Kolarov in un’intervista

Il difensore serbo della Roma, Aleksandar Kolarov, ha rilasciato un’intervista al canale Youtube SoccerAM in occasione dell’evento Puma.

Ti piace giocare a FIFA?
No, non ho mai giocato. I miei compagni giocano, io no.

Secondo te qual è il tuo overall (il valore) a FIFA?
Penso 85.

No, 82. Sei felice?
Si dai, va bene (sorride, ndr).

Quali sono i due giocatori dal valore più alto nella Roma secondo te?
Dzeko e Manolas.

Dzeko lo conosci dai tempi del Manchester City ed è arrivato a Roma prima di te… Avevi parlato con lui?
Quando ho parlato col direttore sportivo, poi ho chiamato Edin per chiedergli come fosse il club e tutto… Sì, la mia decisione finale l’ho presa dopo la telefonata con lui.

Chi è il giocatore più veloce della Roma per FIFA?
Probabilmente Manolas e Cengiz Under.

In realtà no
Ah Justin Kluivert? Mi ero dimenticato di lui…

Ha 19 anni, è giovanissimo
È arrivato quest’estate e fino ad oggi è già migliorato tantissimo. Quando sei giovani devi aspettarti che ci sia una gara fatta bene, una meno. È un ragazzo serio, lavora e migliora ogni giorno. Può avere il successo che ha avuto il padre, anche se sono giocatori diversi.

Qual è il giocatore con più forza?
Penso un difensore… Forse Fazio.

No, ti sbagli
Ah, Nzonzi. Io pensavo ad un difensore. Sì ha grande forza ma la sua qualità più grande è quella mentale.

Anche Fazio e Nzonzi hanno giocato in Premier League. Hanno fatto progressi?
Fazio al Tottenham non giocava molto, qui ha fatto grandi stagioni. Nzonzi si è inserito benissimo nel nostro club, ha fatto passi in avanti e può raccogliere successi qui.

La Premier League e la Serie A sono molto differenti
La Premier è più dinamica, in Italia il gioco è più tattico. Qui si dice che nessuno vuole perdere, non che si vuole vincere.

Chi ha il tiro più potente nella Roma per FIFA?
Questa è una domanda facile, io.

Sì, hai 91. Dzeko 86, Cristiano Ronaldo 94. Che ne pensi?
Beh, lui ha segnato più gol.

Sì, ma parliamo di potenza di tiro.
Forse io allora, ma devo comunque dire Cristiano Ronaldo.

Qual è per FIFA il giocatore più completo?
Penso Edin Dzeko.

No, è Florenzi. Sei sorpreso?
Sì, perché Dzeko usa entrambi i piedi, è tecnico, bravo di testa. Florenzi è un grande giocatore, forse viene premiato il fatto che possa giocare in più ruoli, da quello di terzino, a esterno d’attacco a centrocampista.

Qual è il suo ruolo migliore secondo te?
Ala destra.

Hai giocato anche nella Lazio. Qual è stata la reazione dei tifosi durante il derby?
Nell’ultimo ho anche segnato… So che non è stata buona, ma lo sapevo perché avevo giocato con loro ed ero stato a Roma sette anni. So che non gli è piaciuto.

Sai che sei uno degli unici due giocatori ad aver segnato con due maglie diverse nel derby?
Sì, lo so. E ricordo che un paio di mesi prima un mio amico che era con me alla Lazio me lo disse che avrei segnato nel derby.

La Roma ha fatto un video divertente per la tua presentazione
Sì, avevo già fatto qualche video ai tempi del City sul mio carattere, non rido molto. Hanno cercato di fare qualcosa di simile, chiedendomi se volevo fare qualcosa… Ho dovuto solo dire “no”. Non sorrido quando cammino o quando sono in campo, ma sono un ragazzo sempre positivo.

Il Manchester City
Giocano il miglior calcio d’Europa, sono in contatto ancora con molti di loro. Anche il Liverpool gioca bene, ma non so se riusciranno a mantenere la pressione di chi spinge da dietro. Spero di no.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News