Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Roma, Under: “I primi sei mesi i più difficili. Il mio compagno preferito? Dzeko”

L’attaccante attualmente fermo per infortunio: “In Italia più chance ai giovani rispetto alla Turchia”

Cengiz Under, attaccante della Roma, ha rilasciato un’intervista a Goal.com. Queste le sue parole:

Com’è stato il tuo periodo di adattamento? Hai sentito la pressione nel dover sostituire Salah?
I primi sei mesi sono stati difficili sia per la lingua che per l’adattamento. La pressione di dover sostituire Salah era tanta, ma appena ho iniziato a segnare mi sono sentito più coinvolto, grazie soprattutto all’aiuto dei miei compagni, ora mi sento parte del gruppo. L’infortunio mi ha un po’ buttato giù, ma spero di tornare presto.

Con chi hai parlato prima di approdare nel calcio italiano?
Emre mi ha raccontato il calcio italiano consigliandomi di andare, poi ho parlato con Stefano Napoleoni che ha la famiglia qui e mi ha raccontato la qualità di questo calcio, la passione della gente in uno dei club più importanti d’Europa.

Quali sono le differenze tra il calcio italiano e quello turco?
Sono entrambi difficili, ma in Italia vengono date più occasioni ai giovani. Quando ero in Turchia avevo solamente tre o quattro compagni sui 20 anni, bisogna dare più chances ai giovani in Turchia. Il Basaksehir mi ha aiutato ad emergere, stanno giocando benissimo e vinceranno la Super Lig.

Qual è il tuo giocatore preferito? E l’avversario più difficile da affrontare?
David Silva è il mio idolo, mi è sempre piaciuto. Il mio compagno preferito è Edin Dzeko, con lui ho una grande intesa. Alex Sandro della Juventus è stato invece l’avversario più duro, ma preferisco sempre affrontare giocatori forti.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News