Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Stadio della Roma

Stadio della Roma, Fassina: “A Tor di Valle sarebbe una catastrofe, non è tardi per scegliere un altro posto”

“Le condizioni per risolvere il problema mobilità costerebbe centinaia di milioni di risorse pubbliche”

All’emittente radiofonica Radio Radio ha parlato Stefano Fassina, consigliere comunale di Roma, vuole la sospensione del progetto Stadio della Roma a Tor di Valle. Queste le sue dichiarazioni:

Questa proposta di ritirare la delibera sullo stadio Tor di Valle
“Adesso abbiamo anche l’ulteriore conferma da parte del Politecnico che ci sarebbero conseguenze catastrofiche per la mobilità. Le condizioni per evitare la catastrofe sul piano della mobilità comporterebbero una spesa di centinaia di milioni di risorse pubbliche, quindi viene meno in modo evidente l’interesse generale. Quelle risorse pubbliche le dovremmo utilizzare per affrontare le drammatiche emergenze sociali di Roma, a cominciare da quelle della casa. Utilizziamo quelle centinaia di milioni per ristrutturare l’edilizia pubblica per dare una casa e lavoro alle decine di imprese, evitare uno spreco a vantaggio del signor Pallotta e del signor Parnasi. Noi diciamo che lo stadio della Roma si deve fare ma in un’altra locazione che non comporti l’impatto sulle finanze pubbliche e sull’ambiente”

Non è troppo tardi?
“No, perché non è mai troppo tardi per evitare un ulteriore problema, un’ulteriore conseguenza negativa dei soliti noti che utilizzano la fede dei tifosi per gli interessi dei privati. Il consiglio deve dire chiaramente alla Sindaca di fermarsi e definire un’altra localizzazione”

53 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

53 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Stadio della Roma