Resta in contatto

Prima Squadra

Roma, Amir Ruznic (Ag. Celar): “Non sono sorpreso del suo impatto in Italia”

“Forte fisicamente e veloce di natura”

“L’ho sentito dopo la partita ed era contentissimo, ma spero che per lui sia soltanto la prima di una lunga serie di presenze”. Queste alcune delle dichiarazioni rilasciate a gianlucadimarzio.com dall’agente di Zan CelarAmir Ruznic. Qualche buon controllo, tanta corsa, ma soprattutto sacrificio. Questo ha messo in campo ieri il giovane della Primavera che ieri ha debuttato con la maglia della prima squadra durante il secondo tempo contro l’Empoli.

Dopo aver messo a ferro e fuoco tutte le difese delle avversarie nel campionato primavera, il centravanti sloveno già da tempo sognava di scendere in campo con i grandi. “Ho sempre creduto in lui e per questo non sono particolarmente sorpreso in generale del suo impatto in Italia“, ha proseguito Ruznic, tornando anche sulla trattativa che ha portato Celar nella Capitale:

L’ho proposto a Monchi e Massara. Loro lo hanno visionato e poi con il Maribor ci si è accordati in poco tempo nonostante la concorrenza di altre squadre europee“. Alto, forte fisicamente e in possesso di una buona tecnica. Un giocatore alla Dzeko? “Il paragone può esserci inizialmente, ma Zan è più piazzato fisicamente e ha lavorato negli ultimi anni proprio in questo senso. La cosa sorprendente è che non ha perso la velocità di base ottima che ha di natura“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra