Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Roma, cinque big al bivio: quanto lavoro per Massara

Da qui a fine stagione, il neo ds dovrà discutere dei contratti di De Rossi, Zaniolo, El Shaarawy, Dzeko e Under

Sono cinque, come scrive La Gazzetta dello Sport, le situazioni spigolose che il ds Ricky Massara dovrà gestire da qui a fine stagione: Dzeko, De Rossi, Zaniolo, Under e El Shaarawy. La situazione più attesa (e più delicata) è sicuramente quella di capitan De Rossi, che ha il contratto in scadenza il prossimo 30 giugno. Prima il problema alla cartilagine del ginocchio che lo ha tenuto fuori per tre mesi, poi la lesione al soleo di Oporto che lo costringerà a rientrare dopo la pausa per le nazionali.

Poi ci sono le questioni legate ai giovani Zaniolo e Under, due che avranno un adeguamento del proprio contratto. Il numero 22 perché ha uno stipendio di meno di 300 mila euro annui e per quello che ha fatto finora, vedrà ovviamente adeguato il contratto di 5 anni firmato la scorsa estate. Si dovrebbe girare intorno al milione e mezzo più bonus, anche perché le sirene suonano sempre più forti. Discorso simile per il turco.

E poi ci sono Dzeko e El Shaarawy, due big giallorossi con contratto in scadenza a giugno 2020. La Roma deve decidere se andare avanti con loro o meno. Ma anche nel caso in cui le strade si dovrebbero dividere, al club giallorosso converrebbe comunque rinnovarne i contratti, per non avere meno peso specifico in un’eventuale trattativa per la loro cessione (entrando a giugno nell’ultimo anno di contratto). Allo stato attuale, comunque, la Roma non ha intavolato nessun discorso con entrambi, anche perché l’addio di Monchi ha lasciato un vuoto di potere colmato da Massara. Toccherà quindi a lui risolvere le cinque questioni in essere.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News