Resta in contatto

News

AS Roma Data, tutte le statistiche del match contro la Fiorentina (FOTO)

Il pareggio di ieri sera mette in luce le molte lacune della squadra giallorossa. Non tutto è da buttare però, visti anche i numeri positivi del match

La partita di ieri sera contro la Fiorentina, pareggiata 2-2 dalla Roma, ha riportato un punto nelle tasche della squadra, ancora in lotta con il resto delle avversario per il posto in Champions League. L’account Twitter AS Roma Data, ha pubblicato una serie di statistiche relative al match, sia positive che negative. Il primo dato da analizzare è quello relativo ai tiri concessi: la squadra di Claudio Ranieri concede ancora troppo, solo nel primo tempo sono stati 8 i tiri della Fiorentina, 4 nel primo quarto d’ora.

Altro dato negativo è quello dei gol subiti: è da 7 mesi che la Roma non riesce a mantenere la porta inviolata (da Roma-Frosinone 4-0 di settembre scorso).

Rimanendo sempre sui dati relativi alle occasioni concesse, il profilo Twitter riporta anche i gol subiti nelle ultime prestazioni: 19 reti concesse in 8 gare, una media di oltre 2 gol a partita, troppi se l’obiettivo preposto vuole essere quello dell’ingresso in Champions League.

Qualche dato positivo però c’è: nel secondo tempo la Roma è cresciuta, sia in fase offensiva che difensiva: sono solo 4 i tocchi concessi in area giallorossa alla Fiorentina nella seconda fase di gioco, mentre per quanto riguarda le statistiche personali non si può non tenere conto del numero di assist forniti da Kluivert in questo campionato: con una media di 0.43 per 90 minuti, il giovane olandese si piazza secondo nella lista dei migliori assistman del campionato, dietro al capolista Mertens e davanti al suo compagno di squadra Under.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News