Resta in contatto

News

Alessio: “Conte-Roma, si può fare. Intrigato anche senza Champions”

“È un allenatore che tutti vorrebbero avere alla guida della propria squadra”

Lo storico vice di Antonio Conte, Angelo Alessio, ha rilasciato un’intervista al sito web del Corriere dello Sport. Queste le parole del vice del tecnico leccese sulla sua possibilità di allenare la Roma nella prossima stagione:

Antonio Conte potrebbe davvero andare alla Roma?
«È un allenatore che tutti vorrebbero avere alla guida della propria squadra. Antonio ha sempre detto «Vado dove c’è un progetto valido, a lungo termine e con garanzie». Lui vuole un progetto che poi lo porti a vincere, non a rimanere a galla. La Roma ha in cantiere lo stadio, ha tanti progetti che vuole portare avanti e una squadra giovane: perché no? È un progetto che può tenere in considerazione. Antonio è aperto a varie possibilità, l’importante è che ci siano garanzie». 

La scorsa stagione avete affrontato la Roma in Champions League, il vostro Chelsea voleva Dzeko.
«Sì, lo avremmo voluto con noi ma non partì mai una vera e propria trattativa. La Roma ha fatto qualcosa di straordinario l’anno scorso, io e Antonio ne abbiamo parlato spesso. Il club giallorosso negli ultimi quattro-cinque anni ha venduto i migliori giocatori, dando via elementi importanti come Alisson, Nainggolan, Rudiger, Strootman… Sono passati giocatori molto importanti per Roma. Il campionato giocato l’anno scorso e, soprattutto, il percorso europeo è stato straordinario. Le attese dopo i risultati dell’anno passato sono state probabilmente troppo grandi e una serie di problemi, compresi gli infortuni, hanno fatto precipitare la situazione. Antonio è intrigato da un progetto Roma, anche in caso di mancata qualificazione alla Champions League. Non c’è preclusione».

Alla Roma ritroverebbe il preparatore dei portieri Savorani.
«Sì, Savorani e Conte hanno lavorato insieme al Siena. Queste cose si vedranno poi più avanti…».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News