Resta in contatto

Rassegna Stampa

GaSport, “A papà De Rossi mancano i gol: occhio ai playoff”

 

Il miglior attacco del campionato è in difficoltà

La Roma Primavera sembra aver smarrito il fiuto per i gol decisivi, proprio nel momento in cui deve restare concentrata sullo sprint finale per i playoff scudetto degno di una squadra da ben 75 centri in 28 partite. I quattro pareggi consecutivi, l’ultimo con la Samp finito senza reti, ha influito sull’umore dei giovani romanisti. Poi le buone nuove ieri da Fiorentina-Palermo (2-2), che ha evitato alla squadra di De Rossi di scivolare al quinto posto. Eppure la Roma in questa stagione di gol decisivi e belli ne ha segnati parecchi, superando già e con due match ancora da disputare, la quota di 53 centri raggiunta alla fine dello scorso campionato. A soffrire stanchezza e infortuni sono proprio tre attaccanti giallorossi, che da soli hanno segnato complessivamente 46 gol: D’Orazio, Celar e Cangiano. C’è poi il futuro del giovane attaccante napoletano che per ora sembra lontano da Trigoria. Negli ultimi giorni a Roma si è parlato molto di Cangiano. I suoi 14 gol non sono passati inosservati ai club italiani ed esteri, su tutti il Manchester City e il Brighton. Il contratto in giallorosso del talento classe 2001 è in scadenza come ci ha ribadito anche Alessandro Luci, consulente della Football Factory, compagnia che ne gestisce la procura del giocatore: «Ci sono delle dinamiche di mercato alle quali dobbiamo attenerci tutti. Io, Gianmarco e la famiglia siamo amici e riconoscenti verso la Roma. Quindi confermo che il ragazzo come priorità ha il rinnovo, ma a oggi manca un accordo». Ad allontanare le sirene tentatrici però ci sta pensando mamma Rosa, che sui social spinge verso il rinnovo romanista, condividendo e mettendo like a tutto ciò che riguarda il figlio con indosso il giallorosso.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa