Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Gubbio, Guidi: “Cambiai ruolo a Mancini. Un test prestigioso con la Roma”

Parla il tecnico della squadra umbra che sfiderà la Roma oggi pomeriggio a Trigoria

Intervenuto durante il palinsesto mattutino di Teleradiostereo, Federico Guidi, allenatore Gubbio, ha parlato dell’amichevole odierna contro la Roma e di Gianluca Mancini, che il tecnico degli umbri allenò a Firenze:

Mister, oggi affronterete la Roma a Trigoria: a che punto siete della preparazione? Che partita vi aspettate di giocare?
Abbiamo iniziato da una settimana, siamo un cantiere aperto, abbiamo una rosa da completare. Sicuramente è un test prestigioso, probante, che ci darà l’occasione di vedere cosa e dove migliorare negli allenamenti successivi.

Lei ha incrociato Mancini, lo ha allenato a Firenze.
Ho cresciuto Gianluca, l’ho allenato nei giovanissimi, negli allievi e nella Primavera della Fiorentina. Quando aveva 14 anni giocava da centrocampista centrale, poi quando passò agli allievi lo arretrammo in difesa.

Cosa l’ha spinta a cambiargli di ruolo?
Quando alleni le giovanili, la tua mission è preparare giocatori per proiettarli nel calcio di prima squadra. A centrocampo lui non aveva quel dinamismo necessario, quindi decidemmo di fare quello spostamento, perchè in difesa si sarebbe portato le qualità da play che aveva. Gianluca è forte nel gioco aereo, nella marcatura. Ha avuto una crescita esponenziale importantissima, nonostante siano pochissimi anni che gioca in quel ruolo. Deve apprendere ancora qualche trucco del mestiere, ma è molto intelligente ed è un grande lavoratore. Mancini è predisposto a recepire le cose velocemente.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News