Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Boca Juniors, Burdisso: “De Rossi? Può dare qualcosa al club. I risultati lo dimostreranno”

“Non mi prendo il merito di aver portato De Rossi. Il Boca lo ha convinto”

Al notiziario “Sportia” del canale argentino è intervenuto il ds del Boca Juniors, Nicolas Burdisso, ed ha parlato anche di Daniele De Rossi, che domani debutterà con la maglia degli Xeneizes.

“Parlo costantemente con Daniele e con tutti, ognuno ha una situazione particolare. Daniele ha la normale ansia di vestire un’altra maglia dopo aver indossato per 19 anni sempre la stessa. Ma ciò che vuole è giocare. Non mi prendo il merito di averlo qui: il Boca ha convinto un giocatore come Daniele a venire. E’ arrivato 15 giorni fa, deve conoscere il campionato e fare il suo meglio per la squadra, farsi coinvolgere in campo dal mondo Boca”, le sue parole.

“C’era attesa per l’arrivo di Daniele  – ha proseguito – perché il dialogo era continuo e il suo obiettivo era lo stesso: prima doveva ragionare sulla sua situazione personale, poi quando l’ha fatto è venuto qui. Il Boca è un grande club, ha impatto globale. Speriamo che con l’arrivo di Daniele altri giocatori prendano l’iniziativa di venire qui”.

“Non uscirà mai la frase ‘Questo giocatore l’ho portato io’ né dalla mia bocca né da quella del presidente o del direttore tecnico, sarebbe una follia. Siamo una squadra. Possiamo discutere e confrontarci. Prendiamo tutte le decisione pensando al bene del Boca. Ma penso che se arrivano De Rossi o Soldano è perché possono dare qualcosa al Boca, non a me. E i risultati lo dimostreranno”, ha concluso.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News