Resta in contatto

Rassegna Stampa

Rizzitelli: “Petrachi dovrebbe proporre il rinnovo a Dzeko. Florenzi gli ceda la fascia da capitano”

L’ex attaccante della Roma: “Sul mercato la società si è mossa piuttosto bene ma è chiaro che manca ancora qualcosa, vedi il centrale difensivo”

Ruggiero Rizzitelli, ex giocatore della Roma, ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport. Queste le sue parole sul momento attuale dei giallorossi:

La volontà di Dzeko sembra quella di partire, direzione Inter.
È chiaro che se deve rimanere col muso è meglio che vada, ma la Roma deve fare di tutto per convincerlo. E poi, fossi Dzeko adesso sarei un po’ risentito con l’Inter. Ma come, spendete oltre 70 milioni per Lukaku e poi state da settimane a tirare sui due-tre milioni di differenza per me, a cifre molto più basse? Petrachi dovrebbe proporgli un rinnovo e ribadirgli che la Roma lo considera un top player, mentre nell’Inter rischierebbe anche di fare qualche panchina. Poi io ho un’idea mia, e riguarda Florenzi

Cioè?
Dovrebbe andare da Dzeko e dirgli: “Tieni, la fascia è tua”. Una mossa per stimolarlo, per fargli capire che può trascinare questa Roma.

A parte la questione centravanti, come giudica la Roma?
Al momento sul mercato la società si è mossa piuttosto bene pescando giocatori di prospettiva. Fonseca vuole pressing continuo e la Roma a centrocampo ha gente che può farlo. Poi è chiaro che manca ancora qualcosa, vedi il centrale difensivo. Ma come fai a fare un mercato ottimale se non riesci a vendere tre-quattro giocatori in esubero, con ingaggi pesanti? È quello il problema.

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa