Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Andreazzoli ritrova il suo passato e sfida chi non gli perdona quel derby

L’ex tecnico giallorosso, ora al Genoa, ripartirà proprio contro la Roma

È l’uomo che insieme a Spalletti aveva messo la firma sul 4-2-3-1 che aveva incantato mezza Europa. Ma ormai per i romanisti Aurelio Andreazzoli è l’uomo della sconfitta più dolorosa, quella del 26 maggio 2013, quando la Roma perse la finale di Coppa Italia contro la Lazio.

La sua avventura nella Capitale però comincia ben prima, il 21 giugno 2005, quando Spalletti lo porta con sé a Trigoria al momento della firma. I dirigenti nel tempo si innamorano di lui, tanto che nel 2011, quando va via Ranieri e la panchina viene affidata a Montella, lui ritorna, per rimanere poi anche sotto le gestioni di Luis Enrique e Zeman.

Proprio dopo l’esonero del boemo, diventa il tecnico giallorosso. L’occasione della vita per lui, che però finisce appunto con la sconfitta in Coppa, con le discusse estromissioni dall’undici di partenza di Pjanic, Florenzi e Osvaldo. Torna a Trigoria nel 2016 sempre con Spalletti, ma la storia dura poco perché ha voglia di mettersi in gioco, ricominciando da allenatore dell’Empoli. Ora al Genoa ripartirà proprio contro la Roma. Lo scrive oggi La Gazzetta dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa