Resta in contatto

Approfondimenti

L’Avversario, il nuovo Genoa di Andreazzoli: i colpi Schone e Pinamonti per la svolta

La Roma è pronta al debutto in Serie A: il primo avversario è rappresentato dai rossoblu dell’ex tecnico giallorosso

Paulo Fonseca è pronto a debuttare nella Serie A 2019/2020. La sua Roma ospiterà il Genoa di Aurelio Andreazzoli, che si è seduto sulla panchina dei liguri dopo la retrocessione dello scorso campionato con l’Empoli, arrivata all’ultima giornata. Il tecnico dei rossoblu ha anche un passato sulla panchina giallorossa (da febbraio a maggio 2013, quando subentrò a Zdenek Zeman).

Il Genoa CFC: cenni storici

Il Genoa è la società più antica d’Italia e vanta un palmarès di tutto rispetto: fondata il 7 settembre 1898, in bacheca conta ben 9 scudetti, vinti tra il 1899 e il 1924, e 1 Coppa Italia, vinta nel 1937. Tra gli altri trofei, 6 campionati di Serie B, 1 Coppa Anglo-Italiana, 2 Coppe delle Alpi e 1 Coppa dell’Amicizia. Il club rossoblu, inoltre, è stata la prima squadra italiana a espugnare Anfield Road in un match ufficiale: era il 18 marzo 1992, il Genoa, guidato da Osvaldo Bagnoli, superò il Liverpool nei quarti di finale di Coppa UEFA per 1-2 grazie alla doppietta di Aguilera.

La stagione 2018/19: dall’esplosione di Piatek alla retrocessione sventata all’ultima giornata

La stagione del Genoa era iniziata in linea con le aspettative: guidati da Ballardini e sfruttando l’esplosione di Krzysztof Piatek, i grifoni, alla settima giornata, con una gara in meno, toccano il sesto posto a quota 12 punti. La giornata seguente, dopo la sconfitta casalinga con il Parma, Ballardini viene esonerato e al suo posto chiamato Ivan Juric. Nonostante l’esordio con il botto, 1-1 in casa della Juventus, il tecnico croato nelle successive 7 gare non vince mai e colleziona solamente 3 pareggi e 4 sconfitte, venendo esonerato all’indomani della sconfitta in Coppa Italia contro la Virtus Entella, club di Serie C. Il Genoa scivola al 14.esimo posto con 14 punti.

Dalla 15.esima al termine del campionato siede in panchina Cesare Prandelli. Con l’ex CT della Nazionale le cose non migliorano, complice anche la cessione di Piatek (13 reti in Serie A nel girone d’andata più 6 in due gare di Coppa Italia) al Milan. Nelle 24 giornate che separano Prandelli dalla fine della stagione, il Genoa raccoglie solamente 4 vittorie, 11 pareggi e 9 sconfitte e si salva all’ultima giornata grazie allo 0-0 contro la Fiorentina. I rossoblu chiudono il campionato al 17.esimo posto a quota 38 punti, gli stessi dell’Empoli, che retrocede a causa degli scontri diretti sfavorevoli.

L’arrivo di Andreazzoli, il mercato estivo e i precedenti con la Roma

Il 13 giugno, dopo aver risolto il contratto con l’Empoli, Andreazzoli ha firmato un biennale con il Genoa. Nella preseason, il Genoa ha raccolto due prestigiose vittorie contro Lione (4-3) e Bordeaux (3-2) oltre a un pari per 1-1 con il Nantes.

I rossoblu hanno già assaggiato il calcio vero: lo scorso 16 agosto, infatti, sono scesi in campo contro l’Imolese nel terzo turno di Coppa Italia, vincendo 4-1 (reti di Criscito su rigore, Saponara, Ghiglione e Schone). Andreazzoli probabilmente continuerà a schierare il 3-5-2. Contro l’Imolese sono scesi in campo Radu tra i pali; Biraschi, Romero e Zapata in difesa; Ghiglione, Saponara, Schone, Lerager e Criscito nel centrocampo a 5; Pinamonti e Kouamé in attacco. La formazione che affronterà i giallorossi ricalcherà molto probabilmente questa qui, con l’eccezione di Saponara che, infortunato, non prenderà parte alla trasferta dell’Olimpico.

Il Genoa si è rinforzato in questo mercato estivo, portando all’ombra della lanterna soprattutto due nomi importanti: uno di esperienza (Lasse Schone) e un giovane di belle speranze (Andrea Pinamonti). Il primo, 33 anni, è arrivato dall’Ajax semifinalista di Champions per 1,5 milioni di euro e ha già timbrato il cartellino su punizione, la specialità della casa, contro l’Imolese. Pinamonti, classe ’99 proveniente dall’Inter (la scorsa stagione 5 reti con il Frosinone), è arrivato in prestito con obbligo di riscatto a 18 milioni di euro. In rossoblu sono arrivati, tra gli altri, anche Saponara (prestito con diritto di riscatto dalla Fiorentina), Cristian Zapata (parametro zero), Barreca (prestito con diritto di riscatto dal Monaco), Pajac (prestito con diritto di riscatto dal Cagliari) oltre al rinnovo del prestito di Radu dall’Inter e, dopo la cessione, quello di Romero dalla Juventus. Tante operazioni in prestito che hanno però innalzato le qualità della rosa nell’immediato e, se Andreazzoli riuscirà a proporre il bel gioco visto a Empoli, la stagione del Genoa potrebbe essere tra le migliori del recente passato.

Sono 52 le gare giocate allo Stadio Olimpico tra Roma e Genoa: 39 vittorie giallorosse, 6 pareggi e 7 vittorie rossoblu. I capitolini, attualmente, vantano una serie di 13 successi consecutivi in casa sul Genoa: i grifoni non espugnano la casa giallorossa dal 1990. In totale, sono 104 le sfide tra le due squadre e anche qui la Roma è in vantaggio con 49 vittorie, mentre il Genoa si è imposto in 32 occasioni. Chiudono il conto 23 pareggi.

1 Commento

1
Lascia un commento

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Commento da Facebook Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Pinamonti è un bel giocatore…

Advertisement

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "il nostro Principe, croce e delizia di quegli anni"

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Non lo ho conosciuto ma me lo ha raccontato mio padre e visto video suoi. Grande capitano che non c'è più"

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Daniele vena gonfia di passione"

Francesco Totti

Ultimo commento: "Totti e’ la Roma"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti