Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Totti: “Potrei essere presente al derby. Zaniolo? Deve rimanere con i piedi per terra”

“La squadra va rinforzata”

Francesco Totti, a pochi giorni dal derby parla della Roma, dei suoi piani futuri e del rapporto con Daniele De Rossi. Queste le sue dichiarazioni ai microfoni di Rai Sport:

E’ un po’ che non ti sentiamo parlare della Roma.
Non ne devo parlare, devo guardare e basta, guardo, scruto, ascolto e mi fa strano non essere lì.

Come vedi la Roma di Fonseca?
La squadra va rinforzata.

Dzeko ha rinnovato.
Alla Roma serve un giocatore come Dzeko, per centrare l’obiettivo Champions devi avere giocatori di qualità.

La Roma ha perso Manolas.
Manolas è uno dei centrali più forti d’Europa, adesso con Koulibaly sarà difficile passare lì dietro.

Sul campionato.
La Juve resta la squadra da battere, anche se quest’anno può essere un campionato diverso. Juve, Napoli e Inter si sono rinforzate di più e per le altre squadre sarà una lotta per i posti dal quarto al settimo posto.

Mancini ha deciso di lasciare Zaniolo in Under 21 per motivi disciplinari.
Bisogna avere rispetto per il gruppo per prima cosa, poi vengono i giocatori. Perciò siamo dalla sua parte.

Ha perso la direzione giusta?
Zaniolo deve rimanere con i piedi per terra, è un buon giocatore ma deve dimostrare tanto perché non bastano 5-6 partite per essere un top player. Deve fare la differenza e la farà sicuramente.

Che effetto ti fa vedere De Rossi al Boca?
Non pensavo che potesse giocare in un’altra squadra che non fosse la Roma.

Su Conte all’Inter.
È un’arma in più, è uno dei più forti in Europa.

Ora c’è anche Lukaku.
È fenomenale, fa reparto da solo, devastante.

Ora c’è il derby.
Potrei essere presente.

Danno la Lazio per favorita.
Dicono sempre che chi è favorito perde, che sia di buon auspicio (ride, ndc).

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News