Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Fisichella: “La Roma deve tornare a vincere”

L’ex pilota di Formula 1 ha parlato della sua squadra del cuore, la Roma

E’ intervenuto ai microfoni di “TeleRadioStereoGiancarlo Fisichella, ex pilota di formula 1 e attualmente pilota Endurance ma soprattutto  grandissimo tifoso della Roma. Ecco le sue parole:

” Il mercato della Roma? Gli ultimi acquisti sono mirati e possono migliorare la rosa della Roma dalle prossime partite e per il resto della stagione”.

Sulla passata stagione: ” E’ stata una stagione altalenante che è sfociata nel fallimentare visto il mancato obiettivo Champions League”.

Sull’origine della sua passione per la Roma: ” Inizialmente sono stato influenzato da mio fratello maggiore che era della Roma e mi ha attaccato la passione. I miei miti erano Falcao e Bruno Conti. Ora i punti di riferimento, visto l’addio di Totti e De Rossi, sono sia  il filo diretto della romanità quindi Florenzi e oltre a lui Dzeko”.

Sulla differenza tra calcio e gli altri sport: ” Diciamo che io pratico diversi sport oltre al calcio che resta uno dei miei preferiti. Devo dire però che ogni volta che smetto di giocare a calcio sono fortunato se non ho dolori o infortuni muscolari. I movimenti repentini sono la causa maggiore di infortuni muscolari frequenti”.

Sulle ambizioni della Roma: ” Queste le scopriremo nelle prossime partite valutando l’impatto dei nuovi acquisti e degli ultimi arrivati. L’obiettivo della Roma resta l’accesso in Champions”.

Infine sul Fisichella tifoso: ” Mi manca un trofeo. E’ tanto tempo che non vinciamo nulla e quindi è importante tornare a vincere, anche perché vedere i cugini farlo mi dà ancora più fastidio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News