Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, primo viaggio verso la Champions

Prima trasferta stagionale per la squadra di Fonseca

Dal passato al futuro, l’appuntamento sembra studiato proprio per la riabilitazione definitiva della Roma. A Bologna il 23 settembre 2018, il presidente Pallotta scaricò pubblicamente Di Francesco dopo il KO per 2-0. Oggi, invece, è il primo viaggio per Fonseca e ha la chance per chiudere dodici mesi di discontinuità e delusione, risalendo ancora la classifica dopo la partenza lenta e puntando l’obiettivo che è sempre la zona Champions.

I due successi di fila, contro Sassuolo e Basaksehir, sono stati rotondi e meritati. La svolta, però, è da certificare subito in Emilia. La curiosità principale nel match di Bologna è rivolta al comportamento della Roma nella sua prima trasferta stagionale. Il suo stile, come l’allenatore ripete da quando si è presentato nella Capitale, nasce dal coraggio e dalla fantasia. Squadra dominante e propositiva, sempre pronta al pressing e al palleggio. Finora, in campionato, è mancato l’equilibrio: 8 gol segnati e 6 subiti. Davanti, invece, la Roma è ispirata contro qualsiasi avversario: media di 3 gol realizzati a partita.

Fonseca si prepara a cambiare di nuovo mezza squadra, inserendo gli esclusi dal match di Europa League. Quindi spazio a Florenzi, Mancini, Veretout, Pellegrini e Mkhitaryan. In campo i titolari, aspettando Smalling e Under che con Zappacosta, Perotti e Cetin non sono nella lista dei 21 convocati.

Il Bologna non avrà in panchina Mihajlovic, costretto al secondo ciclo di cure in ospedale. Ma la sua impronta, e ormai dal campionato scorso, è riconoscibile soprattutto nel carattere della squadra. Anche i rossoblu, come la Roma, sono ancora imbattuti. Ma hanno 2 punti in più: 7 contro 5. E soprattutto sono in serie positiva al Dall’Ara con 8 successi consecutivi e, dopo il Napoli, da inizio marzo hanno l’attacco più efficace con 35 reti, solo 2 in meno della formazione di Ancelotti.

I giallorossi rispondono con 16 gare senza sconfitte in serie A. La striscia è da allungare, magari ritrovando la vittoria fuori casa. L’ultima, a Marassi lo scorso 6 aprile contro la Sampdoria (0-1), è di 169 giorni fa. Lontana come è distante chi la firmò: De Rossi, sbarcato in estate a Buenos Aires. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa