Resta in contatto

Edicola

L’Edicola, Pallotta cerca sponsor. Kalinic e Smalling vogliono conquistare la Roma

Tutte le news dalla rassegna stampa giallorossa

IL CORRIERE DELLO SPORT Una sfida che mette di fronte passato e presente della Roma, sarebbe stato così anche se alla Sampdoria fosse rimasto Di Francesco, ma il fatto che Fonseca debba invece sfidare Ranieri rende il confronto più affascinante. Ranieri che, per la seconda volta in sette mesi, prende il posto dello stesso allenatore, è il pronto soccorso, la mezza verità di un mondo antico. Fonseca invece è l’innovazione, è lo sguardo speranzoso verso il futuro.

Erevan è la casa di un ragazzo che si è dovuto fare quando a 7 anni ha visto papà Hamlet morire, quel ragazzo obbligato a crescere in fretta è Henrikh Mkhitaryan. Erevan è il posto dove si può tornare, pur avendo scelto di girare il mondo. Heno (all’epoca non era ancora Micki) seppe trovare una missione per rendere eterno il padre, almeno dentro di sé, la missione era diventare un grande calciatore, per il suo Paese, per la sua nazionale, per importanti club europei. 

LA GAZZETTA DELLO SPORTIl vertice dirigenziale della Roma andato in scena a Boston tra il presidente James Pallotta, il ceo Guido Fienga ed il direttore commerciale Francesco Calvo è stato soddisfacente. Si è messo a punto l’aumento di capitale per 150 milioni di euro, e si è fatto il quadro dei ricavi in arrivo tenendo conto dei mancati introiti della Champions League.

Le giallorosse hanno battuto 4-0 l’Empoli in una gara senza storia, sono partite subito forti andando in vantaggio dopo un paio di minuti con la svizzera Bernauer, il raddoppio port la firma di Lindsey Thomas, al primo gol con la maglia della Roma. Nella ripresa sono salite in cattedra le italiane per chiudere i conti: il 3-0 è arrivato grazie a Bonfantini e il poker porta la firma di Serturini.

Tra le stelle arrivate in estate ieri ha brillato Manuela Giugliano, nonostante avesse accusato un fastidio muscolare con l’ItaliaPrime per una notte, in attesa dei posticipi di oggi Juventus-Florentia e il derby di Milano, Bartoli e compagne sono attese la settimana prossima in trasferta a Verona. Lo scrive la Gazzetta dello Sport.

Dopo un’estate trascorsa tra campo e fisioterapia, senza giocare mai per un problema alla caviglia, Veretout ha ripreso a giocare con continuità e Fonseca, con Pellegrini e Diawara ai box, se lo tiene stretto. 

IL CORRIERE DELLA SERAIn attesa dei nazionali, la ripresa è stata fissata per martedì. Recuperato Florenzi, che ha smaltito il forte attacco influenzale. Nei prossimi giorni si deciderà cosa fare con Dzeko: il bosniaco potrebbe tornare presto in campo con una maschera per proteggere lo zigomo. Lo riporta il quotidiano Corriere della Sera.

Se i blucerchiati non avessero avuto un avvio così disastroso, sulla panchina ci sarebbe stato un altro exEusebio Di Francesco. Adesso “tinkerman” è chiamato all’ennesimo miracolo, quello di aggiustare una squadra completamente distrutta. Ancora una volta è subentrato al tecnico abruzzese, lo scorso anno infatti capitò la stessa cosa a Roma.

Sarebbe bene spiegare a Cengiz Under che l’assalto turco ai curdi in Siria rischia di liberare migliaia di prigionieri dell’Isis, che potrebbero tornare a commettere abomini in Europa.

IL MESSAGGEROAdesso, gioco-forza, Fonseca sarà costretto a farne a meno di nuovo. L’indicazione post-operatoria trapelata da Villa Stuart è chiara: out con la Sampdoria e possibilmente anche giovedì all’Olimpico contro il Monchegladbach per poi tornare a disposizione contro il Milan. Scocca dunque l’ora di Kalinic, che sta usufruendo della sosta per continuare ad allenarsi.

IL TEMPOC’era anche Francesco Totti sugli spalti ad assistere alla sfida tra Italia e Grecia. L’ex capitano e dirigente della Roma era tra i 56 mila che hanno riempito l’impianto capitolino ieri sera. Una presenza resa ancor più autorevole dal ruolo di ambasciatore Uefa per Euro 2020. Seduto accanto a lui il direttore sportivo della Lazio, Igli Tare. L’ultima volta allo stadio fu il 26 maggio, nel giorno dell’addio di De Rossi col Parma. Lo riporta Il Tempo.

Hanno disputato il trofeo No Bulli nell’ambito della campagna di contrasto al bullismo e al cyberbullismo, promossa dal vice presidente del consiglio regionale del Lazio, Giuseppe Cangemi, insieme alle tre società di calcio professionistiche.

Si è parlato di questo e molto altro nei meeting dei giorni scorsi a Boston, dove Pallotta ha ricevuto Fienga, Calvo e Zubiria. La cessione dei naming rights del centro sportivo a uno sponsor è una delle priorità nelle strategie giallorosse, una possibile fonte di ricavo per valorizzare uno spazio che al momento rende zero. Inter e Sassuolo già lo fanno, ma i soldi arrivano direttamente dalla prioprietà dei rispettivi club, mentre Pallotta cerca un partner esterno.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Che vuoi dire solo ti voglio bene capitano e ti piango ancora"

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Con lui nacque la Magica Roma,R.I.P."

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "totti totti totti totti, totti totti totti gol..."

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "il nostro Principe, croce e delizia di quegli anni"

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Daniele vena gonfia di passione"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Edicola