Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Esclusive

Parla il tecnico ortopedico che ha prodotto la maschera di Dzeko: “Ho ripreso a dormire dopo aver visitato Edin!” (FOTO)

Il creatore della maschera del bosniaco ci svela i segreti della protezione indossata dal bomber giallorosso

Daniele De Maldè, tecnico ortopedico della ITOP S.p.A, che si è occupato della creazione della maschera protettiva di Edin Dzeko, ha rilasciato alcune dichiarazioni in esclusiva alla redazione di “SiamoLaRoma.it”:

La maschera è stata progettata in stretta collaborazione con lo staff medico della Roma, nella persona del dott. Costa. Poteva sembrare ingombrante, ma è stato necessario concepirla così: Edin ha una placca inserita nell’osso zigomatico in prossimità dell’orbita destra. Tipicamente le mascherine viste più di frequente tra i calciatori sono quelle per l’infortunio più comune, le fratture del setto nasale. Per questo motivo possono essere meno invasive e, fateci caso, con un design diverso rispetto a quella che ha indossato il bosniaco“.

Una maschera realizzata ad-hoc, dunque, per il tipo di infortunio patito dal centravanti giallorosso. L’esperto spiega poi perché è stata strutturata in quel modo: “La zona interessata dal trauma è la superficie orbitale dell’osso zigomatico, per cui era necessario creare un volume maggiorato in corrispondenza di quella zona, al fine di evitare il contatto della superficie in carbonio, materiale di cui è composta la mascherina, con lo zigomo e il sopracciglio. L’obiettivo è quello di scaricare la parte interessata dal trauma, dalle sollecitazione che possono provenire dal colpi di testa o scontri di gioco ad esempio, attraverso il contatto della maschera su superfici sane, definite zone di scarico, come la zona mascellare e la fronte del calciatore“.

A quali rischi è stato sottoposto Dzeko quando è entrato contro la Sampdoria?
“Quasi nessuno. Insieme allo staff medico avevamo la sicurezza di aver testato e regolato minuziosamente la protezione. Il giocatore avrebbe dovuto ricevere dei cosiddetti colpi proibiti per avere complicazioni. Quella indossata da Edin è una maschera in fibra di carbonio, decisamente resistente, ma con un peso irrisorio, 37 grammi, che ne facilita l’utilizzo. La zona interessata era totalmente salvaguardata. La maschera è concepita in modo tale che abbia delle rigidità diverse tra le varie zone che la compongono, motivo per cui Dzeko avrebbe retto i colpi.
Infatti, come si può notare, la parte sinistra è composta di due lembi di carbonio divisi, costituita da un minor numero di strati, mentre per quanto riguarda la parte destra, tutta chiusa, è stata applicata una matrice di carbonio più resistente, sovrapponendo più strati di materiale. In particolare, la maschera indossata da Edin è più rigida in tutto il contorno dell’occhio destro, mentre a sinistra risulta essere rigida, ma più elastica, sia per il differente numero di strati di materiale, sia per il design, così da permettere all’intera struttura di attutire i colpi e dissipare le sollecitazioni provenienti dal possibile urto esterno”.

Hai mai avuto a che fare con calciatori della Roma o, in generale, di Serie A?
“Io personalmente no. Come azienda, però, abbiamo fornito dei plantari sportivi ad Alessio Cerci. Il bosniaco è stato per me il primo calciatore di Serie A, e della Roma, a cui ho avuto l’onore e il piacere di realizzare un lavoro. Io poi sono tifoso della Roma. Ti racconto una cosa: considera che quando ho saputo che avrei dovuto costruire la maschera per Edin non ho dormito! Avevo un’ansia terribile, ero intenzionato a mettere tutto l’impegno possibile per riuscire a creare un dispositivo utile, funzionale e apprezzato dal bomber. Figurati che ho ricominciato a dormire dopo che ho visitato Dzeko a Trigoria. E’ stato emozionante, da appassionato di Roma, poter essere utile al rientro in campo di uno dei calciatori più importanti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Esclusive