Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Forze fresche per la Roma

Contro il Borussia spazio a Perotti

Visti i precedenti meglio dirselo a bassa voce. Ma a quanto pare la Roma sta meglio, da ogni punto di vista. Dopo i progressi certificati da tre vittorie in una settimana (e che vittorie), i giallorossi si preparano alla trasferta in casa del Borussia Mönchengladbach con l’infermeria che, piano piano, inizia a svuotarsi. Perotti ha già giocato 53 minuti col Milan e altri 4 spezzoni di partite, ora si candida a giocare titolare giovedì in Germania, concedendo magari un turno di riposo al connazionale Pastore. Under è pronto a mettere altri minuti nelle gambe, Florenzi chiede una chance a Fonseca, intenzionato però a utilizzarlo solo da esterno avanzato. Se quindi il tecnico volesse far rifiatare Kolarov, toccherebbe a Santon e Spinazzola presidiare le fasce in difesa.

Il capitano ha parlato con il tecnico che gli ha motivato le sue scelte, ha capito e ha accettato, ovviamente è deluso dalla sua retrocessione nelle gerarchie, ma l’impressione è che che Florenzi partirà dal 1′ in una delle prossime due partite prima della sosta: se non sarà in Europa League, magari toccherà a lui domenica a Parma. Lo spostamento di Zaniolo da trequartista centrale (con Pastore in panchina) libererebbe un altro posto sulle corsie, dove non può ancora giocare Mkhitaryan. Il recupero dell’armeno è stato più lento del previsto, la fastidiosa lesione tendinea all’adduttore rimediata il 29 settembre a Lecce doveva guarire in tre settimane e invece non ne basteranno cinque: tornerà direttamente il 24 novembre col Brescia. Lo riporta Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa