Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 7 novembre 2010: Borriello e Vucinic fermano una Lazio in corsa (VIDEO)

In questo giorno di 9 anni fa i giallorossi vincono il derby contro i bianco-azzurri primi in classica

E’ il 7 novembre del 2010, va ai giallorossi il derby della Capitale. I ragazzi di Ranieri sono letali dal dischetto con Borriello prima e Vucinic poi. La Lazio, invece, protesta per 2 rigori non dati di cui uno netto.

La rete di Borriello è la scintilla che ha acceso un match nel primo tempo tattico che ha visto però una Roma più propositiva rispetto alla Lazio. Menez dopo poco abbandona la gara, al suo posto un positivissimo Greco. Dopo il vantaggio romanista la Lazio ha provato a rendersi pericolosa prima con Floccari e poi con Hernanes ma Julio Sergio è super.

La Lazio insiste e protesta per un rigore, netto, su Mauri a zero metri dalla porta giallorossa. Morganti lascia correre. Nel finale la Roma spreca la palla del raddoppio, prende una traversa con Simplicio e poi riceve il secondo rigore a favore. Vucinic lo calcia, lo segna e dedica il gol al figlio appena nato correndo sotto la Sud. Delirio giallorosso.

TABELLINO

LAZIO (4-3-1-2): Muslera; Lichtsteiner, Stendardo, Dias, Radu; Brocchi, Ledesma, Mauri; Hernanes; Rocchi, Floccari.
A disp.: Berni, Scaloni, Garrido, Matuzalem, Bresciano, Foggia,  Zarate
All.: Reja

ROMA (4-3-1-2) Julio Sergio; Cassetti, Mexes, N. Burdisso, Riise; Perrotta, De Rossi, Simplicio; Menez (dal 39’pt Greco); Borriello (33′ ST Brighi), Vucinic
A disp.: Lobont, G. Burdisso,  Cicinho, Castellini, Pizarro, Okaka,  Adriano
All.: Ranieri

ARBITRO: Morganti di Ascoli Piceno.

 

 

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord