Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Conferenze stampa

Fonseca: “Non c’è bisogno di cambiare formazione se la squadra sta bene”

Il tecnico portoghese: “La squadra ha metabolizzato la sconfitta tedesca, capendo cosa cambiare. C’è fiducia per domani”

Alle 14.15 all’Hotel de la Ville, albergo dove sta alloggiando la squadra giallorossa, si è tenuta la conferenza stampa del tecnico portoghese Paulo Fonseca. Queste le sue dichiarazioni:

La poca distanza tra le gare può incidere sulle sue scelte di formazione
Non cambierei molto per la partita di domani. Dobbiamo capire che quando la squadra sta bene non abbiamo bisogno di cambiare tanto.

Che umore c’è nello spogliatoio?
Hanno capito che abbiamo perso, quando è così la squadra deve capire dove ha sbagliato e capire cosa cambiare. Siamo fiduciosi.

Domani giochiamo con una squadra molto pericolosa. C’è una tipologia di squadra più o meno difficile per il gioco della Roma?
Sono tutte squadre difficili. E’ vero che questa squadra è molto forte in contropiede, Gervinho è molto pericoloso. Domani abbiamo una partita tosta con una buona squadra.

Domani si conclude un ciclo importante. Si aspettava una reazione così dal gruppo?
Sì, la squadra sta bene e tutti insieme abbiamo fatto ottime partite. Mi aspettavo che la squadra avrebbe giocato bene, i ragazzi hanno fiducia, per me questa è la cosa più importante.

Mancini torna a fare il difensore centrale o lo vede come mediano anche nel futuro?
Penso alla prossima partita, non al futuro. Diawara non è pronto per fare 90 minuti, quindi Mancini giocherà nuovamente da mediano.

Spinazzola sta bene?
Sì, è pronto.

C’è una difficoltà ad affrontare le squadre che giocano con la difesa a 3?
No, penso che la nostra squadra non ha nessuna difficoltà ad affrontare una squadra che parte con la difesa a 3, è solo una coincidenza.

I giocatori rischi di perdere convinzione a causa dei tanti errori arbitrali?
No, per me non ci sono scuse sulla questione degli arbitri. Dobbiamo capire che possiamo avere controllo solo su ciò che facciamo noi, non sul resto. La squadra deve capire che deve giocare sempre con grande ambizione e con atteggiamento, ma non possiamo avere il controllo su tutto.

Domani rivedremo Florenzi o per lui è ancora indietro?
Florenzi ha sempre la possibilità di giocare, lavora sempre molto bene, che sta sempre pronto per aiutare la squadra. Per me è importante questo, sapere che è sempre a disposizione. E’ sempre un’opzione. Non ho parlato con lui della convocazione in Nazionale.

Nell’ultima partita non avete sfruttato a alcune situazioni in contropiede, state lavorando su questo?
“Non abbiamo avuto molto tempo per lavorare. Nell’ultima partita il Borussia non è stato molto pericoloso. Io penso che la squadra sta bene in tutti i momenti difensivi, la vedo sicura. Ma è chiaro che possiamo sempre imparare ma la squadra sta bene”.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Conferenze stampa