Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Procura va a fondo sul caso Petrachi

La Procura FIGC sta andando a fondo nell’indagine su Petrachi, che rischia il deferimento ed eventualmente una squalifica

La vicenda è nota e nasce dalla gaffe in conferenza stampa dello stesso dirigente della Roma che ha commentato la trattativa Inter-Dzeko e parò di un incontro avvenuto “a maggio“. La dichiarazione venne riportata da vari giornali, soprattutto da TuttoSport il cui articolo è stato utilizzato nella segnalazione alla Procura. La novità del caso riguarda l’acquisizione da parte dei procuratori FIGC dei contratti di cessione dei giovani Greco e Bucri, finiti al Torino.

I due ragazzi sono stati girati gratuitamente nell’ambito di un “gentleman agreement” tra Cairo e la dirigenza della Roma. Dai documenti inviati alla Lega Serie A si evince come non ci sia stato passaggio di denaro tra le due società con i contratti firmati da Fienga e CairoGreco, che una clausola che prevede una percentuale del 30% spettante al club di Pallotta in caso di futura rivendita, è stato di fatto regalatoIl sospetto degli inquirenti è che sia stato lo stesso Petrachi a definire la trattativa, ma l’ex ds del Torino ha negato questo e gli altri addebiti durante l’audizione.

I tempi per la chiusura dell’indagine scadono martedì 26 novembre, ma la Procura può chiedere una proroga. Petrachi non ha chiesto per ora un patteggiamento e, in caso di deferimento assai probabile, verrà rinviato al giudizio del Tribunale Federale. Lo riporta Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa