Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Pradè: “Ore di riflessione su Montella. Siamo stati in partita fino al 3-1”

Le dichiarazioni del ds della Fiorentina

Daniele Pradè, ds della Fiorentina, ha parlato a Sky Sport dopo la pesante sconfitta casalinga contro la Roma:

La decisione della società su Montella?
“Il momento è difficilissimo, un momento che non ci aspettavamo di passare. In queste ore avremo modo di riflettere e di parlare. Abbiamo la sosta che ci aiuta a fare le cose migliori per riportare la Fiorentina nei posti che merita. Siamo dispiaciuti, dovremo prendere delle decisioni. A caldo così non so dirti cosa abbiamo nella testa. Cercheremo nelle prossime ore di decidere”.

Commisso è deluso?
“Sì, è un presidente che non ha mai mandato via un dipendente della sua azienda quindi è una decisione molto dolorosa”.

Che impressione ha avuto della partita?
“Siamo stati in campo fino al 3-1. Ci sono delle attenuanti importanti perché abbiamo puntato tanto su Ribery e Chiesa e, per quasi tutto il campionato, non li abbiamo avuti. Pensiamo di poter fare più punti di quelli che abbiamo fatto finora. Dobbiamo analizzare la situazione nella maniera corretta”.

Iachini, Di Biagio, Prandelli, è prematuro parlarne?
“Sì, perché adesso dobbiamo riflettere bene su questa situazione”.

Qual è il suo stato d’animo adesso?
“Devastato perché non pensavamo, nessuno pensava che ci saremmo trovati in una situazione del genere nella sosta di Natale. Le buone partite che avevamo fatto ci avevano fatto pensare ad una costruzione per creare una squadra competitiva per il prossimo anno”.

Questa squadra ha bisogno di un attaccante?
“Gennaio è un mercato particolare, le squadre non si privano dei calciatori migliori in questo momento. Tutte le squadre hanno un obiettivo”.

Kalinic e Florenzi sono obiettivi?
“No, non abbiamo mai parlato di entrambi. Non abbiamo parlato di calciatori specifici in particolare”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News