Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Gravina in visita a Villa Stuart per incontrare Zaniolo (FOTO/VIDEO)

Gravina: “Zaniolo? L’ho trovato molto bene, dobbiamo preservare l’integrità del ragazzo”

Il presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio Gabriele Gravina si è recato questa mattina a Villa Stuart per mostrare la sua vicinanza a Nicolò Zaniolo dopo l’intervento di ieri al legamento crociato anteriore del ginocchio. Presente anche il dirigente giallorosso Manolo Zubiria.




“Ho trovato molto bene Nicolò Zaniolo. Ha iniziato una mini riabilitazione, sa benissimo l’importanza che ricopre per la Nazionale e questo gli dà grande forza. La Nazionale e il calcio italiano hanno bisogno di Nicolò Zaniolo. Fretta per l’Europeo? Dobbiamo salvaguardare l’integrità del ragazzo prima di tutto. Sarà seguito dai sanitari e la Roma è una società molto attenta. Dobbiamo avere molta attenzione, una pedina fondamentale per la nazionale ma prima serve l’integrità del ragazzo. Mancini? L’ha presa male come un po’ tutti ma ora siamo più tranquilli. Il terreno dell’Olimpico? Non esprimo giudizi su questo”. Queste le parole del presidente della FIGC, Gabriele Gravina.

Il presidente del CONI, Giovanni Malagò, ha chiamato Nicolò Zaniolo per salutarlo dopo l’infortunio. I due, come raccolto da TMW, hanno parlato a lungo al telefono, col talento della Roma che è stato rincuorato e caricato in vista del recupero. Malagò avrebbe dichiarato a Zaniolo di essere stato lui stesso operato per ben due volte al crociato dal prof. Mariani, tornando sempre più forte di prima.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News