Resta in contatto

News

Grau (ex all. Villar): “Ricorda Parejo. E’ un centrocampista box-to-box di grande qualità”

Parla l’ex tecnico del neo centrocampista giallorosso

Miguel Grau, ex allenatore di Villar al Valencia Mestalla (la squadra B), ha parlato in esclusiva a Tele Radio Stereo:

Che giocatore è Villar e che ricordo hai di lui?
“E’ una bravissima persona e un bravissimo giocatore. E’ un centrocampista di grande qualità, box to box, bravo a rubare il pallone all’avversario ma anche molto capace in fase di impostazione”.

A quale centrocampista lo paragonerebbe?
“Se vogliamo parlare di un giocatore simile a lui nel Valencia, dico Parejo”.

E’ più un regista o un mediano?
“E’ più un regista. E’ bravo a creare gioco grazie alla sua qualità e alla sua tecnica.

A Roma abbiamo visto Pizarro. Lo ricorda?
“No. Pizarro aveva più mobilità, più dinamico. Villar ha molta tecnica e si esalta con un mediano al suo fianco che lo lascia più tranquillo nel tentare la giocata. E’ un numero 8”.

L’allenatore dell’Elche ha detto che Villar ha perso due kg di peso per lo stress della trattativa. Può subire la pressione di Roma?
“E’ un giocatore molto intelligente e di carattere. Ha un’ottima famiglia alle spalle e credo che la pressione di una piazza importante come Roma si faccia sentire su tutti. Ripeto, lui è un giocatore e un ragazzo molto intelligente e credo non avrà problemi ad adattarsi al nuovo tipo di calcio e alla nuova realtà”.

Qual è il suo punto debole? Dalle statistiche abbiamo visto essere un giocatore che segna poco e che prende molti cartellini gialli.
“Deve migliorare l’aspetto delle conclusioni ma è giovane e ha tutto il tempo di farlo. Sulle ammonizioni, con me giocava in maniera aggressiva, con l’Elche invece è cresciuto sotto quest’aspetto, perché erano abituati a tenere palla”.

Un messaggio a Gonzalo Villar?
“L’ho sentito e gli ho fatto l’in bocca al lupo. Per me è un ragazzo a cui sono legato. Se riuscirà ad adattarsi presto al calcio italiano porterà anche allegria all’interno del gruppo romanista”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News