Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Serbo rancore. Kolarov da leader all’addio, Miha lo vuole al Bologna

Il serbo è passato da titolare inamovibile a comparsa: i felsinei ci pensano

Dal fresco rinnovo all’anonimato fino alla possibilità di andare via. Il tragitto maledetto già percorso in questi anni da molti giocatori della Roma (vedi Under, Fazio o Perotti) ha colpito in maniera implacabile pure Kolarov. Il serbo è passato da titolare inamovibile a comparsa tanto che nell’ultimo mese ha giocato solo contro il Bologna. Ed è stata un’esperienza più che dimenticabile vista pure la polemica a distanza coi tifosi di tribuna che è costata una multa al terzino.

Non il primo diverbio. Basti pensare agli insulti alla stazione prima di raggiungere Firenze nel gennaio 2019 o all’inchino polemico a Verona. Un rapporto controverso quello con la tifoseria che non gli perdona il passato laziale e che ora non può evitare di notare la flessione fisica e tecnica di Kolarov. Il calo di rendimento è iniziato un anno fa e ha conosciuto pochi alti e molti bassi soprattutto in fase difensiva. Lo sa anche il serbo che ha accettato serenamente la panchina. La sua leadership all’interno del gruppo è ancora forte, ma sia lui sia Dzeko non sono riusciti a trasmettere il carisma a uno spogliatoio scoraggiato e all’apparenza diviso tra i (pochi) senatori e i nuovi arrivi.

Anche per questo la strada di Aleksandar a fine stagione potrebbe portarlo altrove. Mihajlovic lo vorrebbe volentieri nel suo Bologna. I due ne hanno parlato dopo Roma-Bologna, l’operazione è fattibile anche perché il serbo ha la piena stima del ds Sabatini che lo portò in Italia 13 anni fa e perché lo stipendio da 2 milioni è alla portata del club di Saputo. La Roma d’altronde vuole rifarsi le fasce basse. A destra piace Klostermann del Lipsia e potrebbe tornare Florenzi, a sinistra Kolasinac è in uscita dall’Arsenal. Lo scrive Leggo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa